header logo

Nelle ultime stagioni, soprattutto in Serie A, con Liverani e Baroni in panchina, il fattore Via Del Mare si è avvertito poco o niente. La regola seconda la quale giocare in casa avvantaggi il club salentino, infatti, non è valsa ed, anzi, il Lecce spesso si è espresso meglio lontano dal Via Del Mare. Probabilmente anche distanti dalle pressioni di una piazza che sa essere tanto trascinante quanto soffocante nei momenti di difficoltà.

Lecce, come è cambiato il rendimento casalingo con D’Aversa

Stadio

In questa stagione, seppur siamo ancora agli inizi e siate autorizzati a tutti gli scongiuri del caso, la musica sembra diversa. La truppa di D’Aversa, infatti, ha conquistato 10 punti nelle prime 5 gare disputate al Via Del Mare in questa stagione. 

Vittoria contro Lazio, Salernitana e Genoa, pareggio contro il Sassuolo e fragorosa sconfitta contro il Napoli di Rudia Garcia, unico blackout di questo avvio di torneo. Lontano dalle mura amiche, invece, non è ancora mai arrivata la vittoria: 3 pari contro Fiorentina, Monza e Udinese e sconfitta contro la Juventus, in una partita che ha portato con sé parecchi rimpianti per l’atteggiamento con il quale è scesa in campo la squadra di D’Aversa. 

Difficile immaginare che il tecnico dei salentini ed il suo staff preparino la partita in modo differente a seconda che si giochi nel Salento o lontano dalla nostra terra. Più probabile che si tratti di approccio al match e strategia nell’affrontare l’avversario.

Al Via Del Mare i giallorossi, trascinati anche dagli ormai soliti 25000 spettatori, partono subito forte ed aggrediscono l’avversario, cercando di imporre il loro gioco fin dalle prime battute. Fuori casa, invece, di solito l’atteggiamento è più attendista. La tattica utilizzata prevede che il pallino del gioco sia lasciato agli avversari, così da sfruttare i loro errori per aprire spazi interessanti e colpire in ripartenza.

Lecce, ora c’è la prova Toruno

Contro il Torino questa strategia potrebbe non pagare perché la squadra di Ivan Juric, a sua volta, decide spesso di attendere le mosse dell’avversario, giocando uomo su uomo e puntando sui duelli fisici. Servirà un Lecce diverso per affrontare i granata e portare a casa un risultato positivo, continuando la buona tradizione casalinga di questa stagione. 

Qui tutte le salvezze, o quasi, sono state conquistate nel fortino del Via Del Mare, uno stadio che sa trasformarsi in bolgia nei momenti topici della partita. 

Lecce-Torino 0-1: il tabellino e le formazioni ufficiali
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"