header logo

Venti reti in trentacinque partite: è il bottino di Gennaro Tutino a Cosenza nella stagione che si è appena conclusa con la squadra che si è salvata. Dopo una stagione così il calciatore napoletano ed il suo entourage speravano di giocare in un club con ambizioni diverse in Serie A o almeno in una Serie B a salire. 

Nonostante ciò, il presidente Eugenio Guarascio ha esercitato il suo diritto sul calciatore e lo ha riscattato per intero:

Abbiamo riscattato Gennaro Tutino. Questo è un investimento importante che avevamo fatto l’anno scorso e che vogliamo mantenere.

La risposta dell'agente del calciatore non si è fatta attendere: 

Gli obiettivi professionali di Tutino non coincidono con quelli del Cosenza. Vuole giocare in Serie A o lottare in una squadra di B che possa stravincere il campionato, penso che il Cosenza non possa lottare per questo. Il suo ciclo è finito con la passata stagione. E sono rimasto senza parole per il comportamento del Presidente Guarascio. Non si è degnato di fare neanche una telefonata al calciatore per dirgli che le sue intenzioni erano quelle di riscattarlo.

Tutino è stato accostato al Lecce in un due diverse occasioni, l'ultima nel mercato della Serie B poi vinta dalla squadra diretta da Marco Baroni. In quel caso il Lecce optò poi per Strefezza e Di Mariano.

 

locandina open day
locandina open day
Il Lecce di Luca Gotti: la possibile formazione da sogno aspettando il mercato
Cassano stila la flop 11: "Per me flop, ha fatto 7-8 gol"

💬 Commenti