header logo

Fino ad ora, nessuno in Serie A  ha conquistato più punti del Lecce da situazioni di svantaggio. La truppa di D’Aversa, infatti, è al primpo posto in questa particolare classifica, dato che ha recuperato 5 punti nelle 5 volte in cui si è trovata sotto in questo campionato.

L’analisi delle prime 8 gare di campionato dei giallorossi 

Hamza Rafia

Contro la Lazio i giallorossi sono passati in svantaggio a causa del solito gol di Ciro Immobile, ormai una costante nelle sfide del Via Del Mare. Nel secondo tempo, però, la squadra di D’Aversa ha rimontato, segnando addirittura due gol e vincendo quella sfida. Anche contro la Fiorentina, fuori casa all'Artemio Franchi, Strefezza e compagni hanno rimontato il punteggio parziale, sebbene in quell’occasione si trattasse di doppio svantaggio ed alla fine sia arrivato un pareggio. Infine, contro il Sassuolo nell’ultimo turno disputato al Via Del Mare. Il vantaggio di Berardi è stato pareggiato dalla rete di Krstovic, abile a battere da posizione ravvicinata un incolpevole Consigli.

Contro Juventus e Napoli, invece, la formazione giallorossa non è riuscita a recuperare il punteggio, subendo alla fine due dolorose sconfitte. Contro Genoa, Monza e Salernitana, per concludere, i salentini hanno ottenuto 7 punti e soltanto con i brianzoli sono stati recuperati dopo il gol dell’1 a 0.

Il resto della classifica

Subito sotto al Lecce troviamo il Napoli del tanto discusso Rudi Garcia con 4 punti recuperati in 4 situazioni di svantaggio. Al terzo posto, appaiato ad i partenopei, c’è il Frosinone di Di Francesco. Anche i ciociari hanno ottenuto 4 punti nelle 4 volte in cui si sono trovati sotto nel punteggio.

Inter, Atalanta, Lazio, Genoa, Verona, Empoli e Cagliari, dall'altra parte, non sono riuscite ancora a recuperare punti all’avversario che è andato avanti nel parziale.

Di certo, questo dato è confortante perché ci presenta un Lecce mai domo e determinato anche quando l’inerzia del match pare protendere verso gli avversari. La squadra di D’Aversa ha già una precisa identità, che le permette di battagliare contro ogni avversario, magari rischiando qualcosina in più rispetto alla passata stagione ma creando, senza dubbio, maggiori pericoli agli avversari.

Ci piacerebbe che questo dato venisse confermato nel tempo. Significherebbe che condizione fisica e carattere non mancano, due qualità che deve necessariamente possedere una squadra che non si accontenta mai e lotta per salvarsi in un campionato difficile.

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"