header logo

La stagione 2023/2024 del Taranto è stata pazzesca, nonostante l’epilogo negativo dovuto all’eliminazione della formazione dai play off ai danni dell’Avellino a pochi passi dalla storia 

Un punto di partenza 

L’annata appena terminata ha rappresentato il punto di partenza di una crescita che deve portare per forza di cose a obiettivi ancora più importanti. La quinta posizione è stata raggiunta dal club pugliese soprattutto grazie a uno straordinario rendimento difensivo: la squadta ha subito appena 31 gol in 38 partite, rivelandosi la terza miglior difesa dell’intero Girone C.

Eziolino Capuano

Da chi ripartire?

Il nome per la ripartenza del Taranto è sempre quello di Eziolino Capuano, ormai tecnico dei rossoblù da un anno e mezzo. La sua storia in panchina parte nel lontano 1989, e dopo tanta gavetta ha conquistato la prima Serie C nel 1997 con la sua Cavese. 

La sua carriera da quel momento in poi si è sempre divisa C, C2 e D, con anche una parentesi nel 2010/11 nella prima divisione belga con l’Eupen. Nelle ultime sei stagioni ha sempre allenato nella terza serie del campionato italiano ed ora si appresta a vivere la sua settima annotata. 

Ancora Eziolino Capuano

La conferma che sarà lui a guidare il club pugliese anche nella prossima stagione è giunta dallo stesso Capuano, che al “Gran Galà del calcio lucano” lo ha dichiarato apertemente. Queste le sue dichiarazioni riportate dalla Casa di C

Ho ancora un lungo contratto con il Taranto, per cui il mio futuro dovrebbe essere qui. Poi vedremo cosa accadrà. 

Non c’è, quindi, ancora una certezza ma tutto lascia pensare che il matrimonio tra l’allenatore di Salerno e Taranto prosegua anche nella prossima stagione. L’amore vero è sbocciato ed adesso l’obiettivo è quello di riportare il Taranto a respirare il dolce profumo della Serie B. 

Perchè Roberto D'Aversa non ha ancora deciso il suo futuro
Dorgu: aumenta ancora il suo valore di mercato. Ecco il dato aggiornato