header logo

Roma – Lecce, minuto ’72: Mancini legge male la traiettoria di un rinvio, all’altezza del centrocampo, di Gonzalez, permettendo a Banda di avventarsi sulla sfera e di servire, al centro dell’area, l’accorrente Almqvist che, puntuale, fredda Rui Patricio, battezzando l’angolo basso a lui vicino, con un fendente a fil di palo per il momentaneo vantaggio giallorosso. L’illusione più bella e allo stesso tempo grande di una partita, oramai a tutti ben nota, considerando l’epiteto finale e l’amaro in bocca lasciato.

Guardando le note positive dell’incontro, però, non possiamo non citare il ritorno nel tabellino dei marcatori dell’attaccante svedese che, 77 giorni dopo l’ultima volta (Lecce-Lazio della prima giornata di campionato), torna a gonfiare la rete in una partita, la sua seconda in Serie A con la maglia giallorossa, terza se consideriamo il precedente di Coppa Italia contro il Como.

Arrivato in estate dal Rostov, Almqvist, fino ad ora, è stato tra i giocatori più utilizzati dal suo allenatore, giocando titolare in tutti gli impegni stagionali (a eccezione dell’ultima gara in coppa contro il Parma, nella quale è subentrato nel secondo tempo) per una media di 84 minuti a partita.

Almqvist affronta un avversario

Tra i giocatori più veloci dell’intero torneo, con un primato in stile olimpico di 36,3 chilometri orari durante uno scatto contro il Sassuolo di qualche settimana addietro, garantisce alla sua squadra una certa imprevedibilità durante la fase di possesso nel superare i suoi avversari, creando situazioni di superiorità numerica all’interno dell’area di rigore nemica. Bravo nello stretto, abile con il pallone tra i piedi, D’Aversa non può proprio fare a meno di lui.

Nell’ultimo periodo più ombre che luci ma sempre un riferimento per i compagni e un pericolo per le difese affrontate. Nel precedente turno di campionato, sicuramente tra i migliori in campo con una prestazione ben oltre la sufficienza e un rendimento costante per tutti i minuti in cui è rimasto nel rettangolo verde. Nonostante la sconfitta, il ritorno al gol si spera possa essere per lui uno stimolo in più per continuare a ripetersi nelle sfide a venire. 

Riuscirà, pertanto, a essere decisivo anche nella prossima partita contro il Milan al Via del Mare?

Lecce-Milan, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"