header logo

Morten Hjulmand ha vissuto un anno indimenticabile con lo Sporting Lisbona. Ha vinto il titolo di campione del Portogallo ed è rientrato nella top 11 del campionato lusitano, segnando anche due gol e fornendo tre assist nella competizione.

In vista dell’Europeo

L’ex centrocampista giallorosso ha parlato ai microfoni di DR Sporten del suo futuro con il club biancoverde e prima ancora della sua esperienza al prossimo Europeo. Ecco di seguito le sue parole: 

Nella mia carriera sono stato paziente. Non ho fatto passi da gigante nella mia carriera, ma mi sono concentrato su club in cui potessi svilupparmi. Sono pronto a giocare nei Campionati europei e in un grande club come lo Sporting. Grazie a ciò che ho fatto nel mio club, credo di aver dimostrato di avere caratteristiche che altri giocatori non hanno. Spero di avere un ruolo importante con la Danimarca.

Hjulmand e Banda
Lameck Banda e Morten Hjulmand

L’apprezzamento del suo C.T. 

L’evoluzione e la crescita di Morten Hjulmand sono spiegate direttamente da Kasper Hjulmand, l'allenatore della Nazionale nordica, che ha schierato titolare Morten nella vittoria per 2-0 contro la Norvegia. Ecco le sue dichiarazioni sul regista suo omonimo: 

È esigente e motiva gli altri. A volte supera il limite perché vuole troppo. Penso che sia perfetto.

Valore di mercato

Morten Hjulmand è andato via dal Salento per circa 21 milioni di euro ma adesso il suo cartellino vale almeno il doppio. In estate, soprattutto se dovesse giocare un Europeo da protagonista, il suo valore potrebbe schizzare alle stelle, con tanti club di Premier League che hanno già chiesto informazioni.

Incredibile come i club italiani se lo siano fatti sfuggire da sotto il naso, nonostante le ottime prestazioni con la maglia del Lecce. Pare che lo stessa leggerezza possa essere compiuta anche con Marin Pongracic, altro talento che al momento non è troppo considerato dai club nostrani. 

Rabiot, pronto lo sgarbo alla Juve: tratta con una rivale decisa a prenderlo a zero
Rocchi parla di Var e futuro, ma all'inizio era contrario