header logo

Dopo un inizio in salita del girone di ritorno, il Lecce si prepara ad affrontare gli scontri diretti salvezza. I giallorossi, nel girone di ritorno, non hanno ancora fronteggiato una diretta rivale, dato che Genoa si è subito allontanato dalla corsa per salvarsi, disputando un campionato tranquillo a braccetto col Monza.

Domenica al Via del Mare arriverà l'Inter in fuga scudetto e sarà l'ennesimo match contro una squadra che milita nella parte sinistra della classifica, considerando le avversarie già andate in archivio: Juventus, Lazio, Bologna, Fiorentina e Torino. In questo tour de force, la formazione di D'Aversa ha ottenuto solo tre punti, arrivati grazie alla vittoria contro i viola.

È dunque alle porte il momento clou del campionato: in seguito all'incontro coi nerazzurri, i salentini dovranno giocare 12 partite, 7 delle quali contro le squadre attualmente sotto in classifica. La prima tranche vedrà i giallorossi fronteggiare prima il Frosinone in ciociaria, poi il Verona nel Salento ed infine la Salernitana all'Arechi. Già questi match potrebbero dire tanto sul percorso del Lecce.

Banda Salernitana

Gli scontri diretti sorridono alla formazione di D'Aversa? Scopriamolo attraverso una graduatoria ad-hoc e la media punti delle 8 squadre in corsa per la permanenza in massima serie: Lecce, Frosinone, Verona, Sassuolo, Udinese, Empoli, Cagliari e Salernitana.

Gli scontri diretti delle squadre in lotta salvezza

  • Udinese: 8 partite giocate, 8 punti
  • Frosinone: 9 partite giocate, 15 punti
  • Empoli: 9 partite giocate, 9 punti
  • Verona: 9 partite giocate, 12 punti
  • Sassuolo: 7 partite giocate, 9 punti
  • Cagliari: 9 partite giocate, 11 punti
  • Salernitana: 9 partite giocate, 7 punti
  • Lecce: 7 partite giocate, 11 punti

La media punti delle squadre in lotta salvezza negli scontri diretti

  • Frosinone 1.66
  • Lecce 1.57
  • Verona 1.33
  • Sassuolo 1.28
  • Cagliari 1.22
  • Udinese 1
  • Empoli 1
  • Salernitana 0.77
Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Champions League: può essere l'anno dell'Inter?