SETTORE GIOVANILE

Schipa (all.Lecce U18): "Secondo posto? Ci facciamo rispettare in tutta Italia. L'obiettivo è..."

Scritto da Filippo Verri  | 

L'U18 del Lecce stupisce e nel suo primo campionato è seconda a -2 dalla capolista Roma nel girone A. Abbiamo intervistato mister Simone Schipa, che nelle scorse stagioni aveva allenato anche l'U16 e l'U17. CLICCA QUI per vedere sul video completo.

SECONDO POSTO
“Ci stiamo facendo rispettare in tutta Italia, stiamo facendo un percorso importante per la crescita di questa squadra. Il campo ci sta dando ragione. È un gruppo importante che si applica e ha attaccamento alla maglia, uno dei primi valori che cerchiamo di diffondere”.

EQUILIBRIO
“È un aspetto fondamentale. I numeri sono il risultato di quanto proposto sul campo. Senza equilibrio non puoi fare numeri sul campo"

RAGAZZI SALENTINI
“C'è solo uno straniero, il rumeno Kodor che gioca sotto età. Poi c'è Gueye che sta con noi dallo scorso anno, senegalese, ma per noi è ‘il nostro nero di Castromediano’, è uno di noi. Poi c'è un portiere di Nola, per il resto solo salentini”.

COSA CAMBIA TRA U18 e U19?
“Un anno fa tanta differenza. L'U18 è la prima volta che lo disputa il Lecce. Un campionato creato perchè lo stacco tra U17 e U19 è brusco, tanti ragazzi finivano di giocare. C'è chi ha bisogno di rodaggio prima di andare in Primavera”.

CONTINUITA'
“Giochiamo col 4-3-3, c'è continuità. Non faccio nomi di ragazzi pronti. Questo gruppo lo tengo da tre anni, da quando facevo l'U16. La continuità si sente".

GESTIONE DEI RAGAZZI
“La generazione attuale ha una mentalità tutta sua ma non faccio fatica a gestire il gruppo, abbiamo legato molto. Siamo complici, loro sanno dove possono arrivare. I ragazzi vanno mentalizzati subito, già dall'U16 li ho trattati in un certo modo. Nel calcio giovanile devi metterci l'anima, questi ragazzi fanno tanti sacrifici ed è giusto sia così. Loro sanno che bisogna arrivare alla fine del discorso con la coscienza pulita".

CONCLUSIONI
“Vorrei rafforzare un concetto. È chiaro che giochiamo per vincere, però l'obiettivo principale è portare avanti quanti più ragazzi possibili e dare al club benzina, è quella la nostra vittoria. Siamo contenti perchè tanti ragazzi stanno già nel giro Primavera nonostante siano sotto età. È già un grande risultato”.