header logo

Daniel Samek ha parlato ai microfoni di ruik.cz:

Hai completato il tuo primo anno a Lecce conquistando lo scudetto. Come giudichi la tua stagione?

“Dal punto di vista della squadra sono estremamente felice, abbiamo vinto lo scudetto, che non credo si aspettasse nessuno, e abbiamo anche portato il Lecce in Champions League giovanile, che è un grande traguardo. Da un punto di vista personale, so che non è stata la stagione ideale. Doveva andare meglio, ma ho motivazioni maggiori per la prossima stagione“.

Eppure sei stato una grande arma offensiva per il Lecce. Cosa preferisci, segnare un gol o fare assist?

“Ho sempre detto, e continuo a sostenerlo, che preferirei fare gol. In tutta la stagione a Lecce non sono riuscito a segnare: mi piacerebbe sicuramente farlo”.

Come è stato celebrato lo scudetto?

“Eravamo tutti stanchi per il viaggio. Inoltre, la maggior parte di noi è straniera, quindi tutti non vedevano l'ora di tornare a casa, perché la stagione è stata davvero lunga”.

Come te la cavi con l'italiano?

“All'inizio parlavo solo inglese e non capivo molto; dopo circa 4 mesi ho iniziato a capire l’italiano, ma non ero ancora pronto per parlare. Adesso capisco praticamente tutto e so parlare italiano, anche se non sono perfetto. Ci sto lavorando”.

Com'è in Italia la partecipazione dei tifosi alle partite delle giovanili?

“L'interesse per le nostre partite, soprattutto verso la fine della competizione, è stato grande e i tifosi sono venuti numerosi. Anche per la finale i tifosi sono venuti a sostenerci, perché è stata un'esperienza unica anche per loro“.

Per vincere il titolo ci deve essere buon umore in squadra, con chi hai legato di più?

“Come ho già detto, la maggior parte di noi era straniera, quindi andavamo tutti d'accordo. Certo, ho trovato compagni di squadra con cui ho trovato passioni in comune, ma non ho ancora un vero migliore amico“.

Ti piace la vita a Lecce?

“La città è paragonabile per dimensioni e numero di abitanti alla mia città natale. Inoltre, mi piace il cibo italiano, quindi sono felice. Il mare è bellissimo”.

Parlaci della prossima stagione.

“Dovrei iniziare la preparazione con la Prima Squadra. Sicuramente mi piacerebbe rimanerci e giocare in Serie A. Ho cercato di lavorare il più possibile su me stesso durante la pausa e spero che il lavoro venga ripagato. Mi piacerebbe anche arrivare in Nazionale e agli Europei, che si giocheranno in Slovacchia tra due anni”.

La Premier League è il campionato dei tuoi sogni?

“Mi do obiettivi a breve termine, ma mi piacerebbe sicuramente giocare in Premier League. Un giorno vestire la maglia dell'Arsenal e giocare in Champions League sarebbe un sogno che si avvera”.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"