header logo

Con il campionato di Serie A fermo, causa Nazionali, vogliamo continuare a tenervi compagnia mostrandovi alcuni dati, riguardanti i giallorossi, relativi a questa prima parte di campionato.

Grazie al database di FootData, vogliamo proporvi una speciale classifica, riguardante i giocatori che recuperano più palloni, nella quale figura, anche, Marin Pongracic. Quale posizione occupa?

Al decimo posto troviamo Milenkovic (Fiorentina) con 134 palloni recuperati, in 11 partite disputate per un totale di 951 minuti giocati; al nono posto Buongiorno (Torino) con 135 palloni recuperati in 9 partite per un totale di 793 minuti giocati; all'ottavo posto Romagnoli (Lazio) anche lui con 135 palloni recuperati ma in 12 partite e per un totale di 1145 minuti giocati; al settimo posto Gyomber (Salernitana) con 140 palloni recuperati in 10 partite per un totale di 826 minuti giocati; al sesto posto Erlic (Sassuolo) con 144 palloni recuperati in 12 partite per un totale di 1072 minuti giocati; al quinto posto il “nostro” Pongracic con ben 146 palloni recuperati in 12 partite per un totale di 1152 minuti giocati; al quarto posto Djimsiti (Atalanta) con 158 palloni recuperati in 11 partite per un totale di 1030 minuti giocati; sul gradino più basso del podio, invece, Bijol (Udinese) con 164 palloni recuperati in 12 partite per un totale di 1152 minuti giocati; al secondo posto Bremer (Juventus) con 165 palloni recuperati in 12 partite per un totale di 1131 minuti giocati; infine, al vertice di questa graduatoria, Dossena (Cagliari) con 194 palloni recuperati in 12 partite per un totale di 1018 minuti giocati.

Pongracic e la Nazionale

Le ultime, convincenti prestazioni del difensore croato non sono passate inosservate al suo CT Dalic che, convinto dal suo andamento, ha deciso di convocarlo per le prossime partite di qualificazione all'Europeo. Per Marin si tratta di un ritorno con i colori dei “Vetreni”: l'ultima apparizione è datata al 2022, in una gara di Nations League contro l'Austria. 

Per lui si tratterà certamente di una grande opportunità per confermarsi ad alti livelli, quelli che ovviamente dovrà garantire al suo Lecce per guidare i compagni al raggiungimento della salvezza. Saprà reggere la pressione?

Verona-Lecce, Live Reaction di Pianetalecce al Pipa di Muro Leccese
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita