header logo

L'ex arbitro Graziano Cesari, oggi opinionista per Sport Mediaset, al termine di Lecce-Parma ha criticato arduamente due decisioni del direttore di gara Feliciani e della sala VAR in occasione del match andato in scena allo stadio Via del Mare di Lecce.

Nello specifico, il Parma è passato in vantaggio su un tiro che ha battuto Brancolini sul suo palo. L'arbitro, prima di convalidare il gol, ha atteso qualche secondo i riscontri dalla sala VAR. Alla fine la decisione è stata confermata.

Successivamente, il Lecce ha conquistato un calcio di rigore per fallo subito da Roberto Piccoli: questa la decisione del giudice di campo. In questo caso, il VAR è intervenuto e dopo l'on field review è stato tolto il penalty al Lecce.

Due episodi che hanno trovato in disaccordo Graziano Cesari. L'ex arbitro boccia le scelte che hanno condizionato il match sfavorendo il Lecce.

Cesari sul mancato rigore al Lecce: non andava annullato

“Moviola piuttosto lunga. Minelli deve dare forfait dopo 20 minuti. Entra il quarto uomo Feliciani, reduce da una non bellissima prestazione in Juve-Verona. Concede rigore per il rigore, un fischio non immediato. Esita ed indica il dischetto. Arriva l'on field review e occhio all'immagine mostrata. 

È un fermo immagine che non significa nulla, infatti l'immagina singola non va mai mostrata. Viene condizionato e non è più lucido nell'analizzare la dinamica. Il piede del giocatore del Parma però tocca prima Piccoli. Non era assolutamente da annullare il rigore”.

Cesari sul gol del vantaggio del Parma: era fuorigioco

Parma

"Ora andiamo sullo 0-1 del Parma. C'era un uomo in fuorigioco a condizionare la vista di Brancolini. Il tiro passa proprio davanti a lui. Addirittura il giocatore del Parma si sposta per far passare il tiro. Il VAR non è stato una meraviglia.

Lecce-Milan, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"