header logo

Luciano Spalletti si è sottoposto alle domande dei giornalisti che tra le altre cose hanno chiesto spiegazioni sulla convocazione di Fagioli

Il centrocampista della Juventus è stato squalificato per la questione scommesse e di conseguenza è stato praticamente fermo un intero campionato, nonostante tutto è stato chiamato a vestire l'Azzurro.

“Quando siamo in Nazionale si fanno ragionamenti differenti”, spiega Spalletti. “Siamo sempre convinti di poter star bene perché possiamo andare a pescare in tanti elementi, in tanti calciatori. Se ci facciamo subito il problema di ciò che ci manca si comincia male, abbiamo a disposizione tutto ciò che ci vuole per fare bene. Fagioli innanzitutto è una scelta tecnica, poi per il resto sono due storie un po' differenti rispetto a Rossi. Fagioli ha quella qualità, quell'estro... 

Gli manca la scocca, lo scontro fisico, ma l'ho convocato per avere a disposizione più cose che ti facciano gestire la partita, il tentativo di trovare più cose per avere la palla noi. Poi il campo valuterà se abbiamo fatto la scelta giusta o quella sbagliata, il ragazzo nell'ultima intervista rilasciata ha detto delle bellissime cose. 

Ho parlato con lui il giorno della finale di Coppa Italia a Roma, ho avuto fortuna che ci fosse la Juventus così da poterci parlare e mi ha fatto un'ottima impressione. Penso che meriti anche un po' di comprensione, non ha scommesso sulle sue cose ma perché in preda a un momento di difficoltà e non ce la faceva a difendersi da questa tentazione. E' stata puramente una scelta tecnica”. 

Bentivogli su Rodriguez: "Avevamo la sensazione di aver preso un giocatore in grado di fare la differenza in B"
Incontro Marco Baroni-Verona: ecco come è andata