header logo

Nell’ultimo periodo il Lecce di D’Aversa era diventato Banda-dipendente. L’esterno d’attacco zambiano, infatti, è stato assente diverse volte in questa stagione, sia per infortunio che a causa della partecipazione alla Coppa D’Africa.

Quanto ha pesato la sua assenza?

Banda è un giocatore importante nel 433 perché ha capacità fisiche ed atletiche non comuni. È un esterno rapido, che salta l’uomo con facilità e riesce quasi sempre a creare la superiorità numerica. Come detto in diverse occasioni, però, deve ancora migliorare molto sotto diversi aspetti e soprattutto nella scelta dell’ultima giocata, quella decisiva per andare in rete. In questa stagione, in 19 partite disputate fino ad ora, ha fornito 4 assist e segnato 2 gol ma questi numeri non rispecchiano pienamente quanto prodotto dall’attaccante zambiano. Maturare sotto porta ed in area di rigore gli permetterebbe di diventare davvero un calciatore completo e ancora più appetibile in fase di calciomercato.

Banda e Soulè

Gotti su chi punterà a Salerno?

Non ci sono dubbi sul fatto che Luca Gotti a Salerno proporrà ancora il 433. Troppo poco tempo per lavorare su un altro sistema di gioco, con una squadra abituata ad un calcio veloce e sugli esterni. Banda, in ogni caso, non ci sarà. Al di là dell’infortunio al ginocchio, ancora da valutare, Lameck avrebbe comunque saltato il match causa infortunio. Ecco, quindi, che Gotti dovrà decidere su chi puntare per l’insidiosa trasferta in terra campana. Da quelle parti potrebbe giocare Nicola Sansone, un ragazzo che a Lecce ancora non ha fatto vedere tutto il suo potenziale e che non vede l’ora di poter essere decisivo con questa maglia. Difficile, invece, vedere Pierotti dal primo minuto, sebbene l’argentino contro il Verona è sembrato più dentro il progetto e potrebbe magari risultare una carta utile e vincente a partita in corso. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Salernitana-Lecce: la lista dei convocati diramata da Gotti