header logo

Segnare alla fine per alcuni è sinonimo di fortuna. Segnare 8 gol alla fine per noi è sinonimo di mentalità vincente, di voglia di vincere e di ottenere il risultato fino all’ultimo minuto di gioco.

Il Lecce di D’Aversa ha subito la clamorosa rimonta di Roma, ma in queste prime 16 giornate ha segnato 8 gol dal minuto 75’ in poi, un segnale impossibile da sottovalutare.

Le reti ad un quarto d’ora dal termine

Tutto è partito dalla vittoria del Via Del Mare contro la Lazio. Due a uno nel finale, con i gol di Almqvist e Di Francesco a ribaltare il vantaggio iniziale di Immobile. Poi la formazione giallorossa si è ripetura a Firenze, con Krstovic appena entrato, ed in casa con Salernitana e Genoa, grazie alle reti di Strefezza ed Oudin, tutte e due nel finale ed entrambe utili a portare in classifica 6 punti preziosissimi.

Proseguendo nel campionato, la squadra salentina ha pareggiato a 7 minuti dal termine in quel di Udine grazie alla sforbiciata di Roberto Piccoli, pareggiato a tempo scaduto contro il Bologna con un calcio di rigore trasformato sempre dall’attaccante scuola Atalanta e vinto ieri uno scontro diretto fondamentale contro il Frosinone grazie ad un tiro da fuori di Ramadani, tanto per cambiare ad un minuto dal novantesimo.

I giallorossi intorno ad Abisso

 È tutta questione di mentalià

Non può essere un caso o la ha ribadito anche D’Aversa ieri in conferenza stampa, attraverso queste parole:

Questi ragazzi stanno lavorando sin dal primo giorno di ritiro, la società ha lavorato bene in estate, insieme al Frosinone siamo la squadra più giovane del campionato, è un bel segnale di competenza da parte del club. La squadra non molla mai e ci crede fino alla fine, sta bene fisicamente. A volte si sentiva l'importanza della gara e sono stati commessi errori per eccesso di nervosismo, ma alla squadra non posso rimproverare nulla.

Queste 8 reti hanno permesso alla formazione giallorossa di conquistare ben 9 punti in classifica, un bottino niente male se si tengono conto dei 20 punti totali. 

Adesso due partite importanti e sulla carta proibitive. Il club salentino non vince contro l’Inter a San Siro da più di 20 anni ma i nerazzurri dovranno stare attenti soprattutto nell’ultimo quarto d’ora di gara, in quella che sta a diventando a tutti gli effetti la zona Lecce

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita