header logo

L'ennesimo pareggio dell'Udinese, quello per 0-0 ottenuto nell'anticipo di ieri pomeriggio contro l'Empoli, salva la panchina di Andrea Sottil e lo proietta di diritto verso il prossimo match contro il Lecce che si giocherà il 23 Ottobre prossimo al rientro dalla pausa per la Nazionale. 

Strefezza ingaggia un duello contro i difensori dell'Udinese
Gabriel Strefezza affronta la difesa dei friulani

L'Udinese è a secco di vittorie

Dopo 8 giornate di campionato, l'Udinese non sa vincere. Ha dimenticato come si fa e ha inanellato solo 5 pareggi e 3 sconfitte. Peraltro il cammino dei bianconeri, rispetto anche all'avvio dei giallorossi, è stato molto similare avendo affrontato, proprio come la squadra di D'Aversa Napoli, Fiorentina, Salernitana e Juventus. In queste quattro gare i bianconeri hanno raccolto 1 solo punto, mentre i salentini 4, ma la vera differenza l'hanno fatta i match “abbordabili” quelli cioè contro Empoli, Genoa, Cagliari e Frosinone che hanno fruttato appena 4 punti, frutto di altrettanti pareggi. 

Insomma, Sottil non riesce a portare a casa il punteggio pieno e questo lo ha messo un po' sulla graticola. A Udine non sono abituati a cacciare via gli allenatori con facilità e per questo gli è stato concesso ancora una chance e si chiama Udinese-Lecce. 

I possibili sostituti di Andrea Sottil all'Udinese

Il match sarà il banco di prova della squadra allenata da Sottil, ma sullo sfondo ci sono i fantasmi di altri allenatori come Luca Gotti, che è sotto contratto con lo Spezia, Gabriele Cioffi e Davide Nicola. In corsa ci sono anche Leonardo Semplici e Igor Tudor ma il primo potrebbe soffiarglielo la Salernitana, dove c'è un'altra panchina che traballa e il secondo ha un ingaggio che è uscito di parecchio dai parametri dei friulani.

Cosa pensa Sottil della situazione in casa Udinese

Al termine della gara contro l'Empoli, lo stesso Sottil si è presentato in sala stampa per spiegare la prova dei suoi: 

“Nel primo tempo abbiamo fatto bene e creato buone situazioni. Nella ripresa per un insieme di fattori siamo calati. Era difficile gestirla, forse è subentrata un po' di ansia”, ha precisato.

Sulla fiducia invece accordatagli dal club risponde:

"Io parlo tutti i giorni con la società, sanno come lavoro e assolutamente mi ha fatto trasparire la fiducia nei miei confronti. Io penso a lavorare e a migliorare la squadra. Abbiamo delle difficoltà ma non ci piangiamo addosso, con dei ragazzi che mi stanno dando tutto". 

 


 

 

Minotti (Sky): "Il Lecce ha risposto colpo su colpo. Pari giusto"
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"