header logo

È passato un anno dal momento dei saluti tra Emin Hasic e il Lecce. Il difensore svedese classe 2003 lasciò il Salento a parametro zero in seguito alla vittoria dello Scudetto Primavera e alla scadenza del contratto. Le parti non trovarono un accordo e poco poche settimane venne annunciato il suo rientro in patria, al Varnamo.

Il rendimento di Emin Hasic nel Lecce

Il difensore svedese fu tra i primi acquisti di Pantaleo Corvino per la Primavera del Lecce. Acquistato nell’estate del 2020, agli ordini di Grieco inizialmente giocò come terzino sinistro. Successivamente, con Coppitelli, la consacrazione da difensore centrale. 

Scudetto Lecce Primavera

Hasic può considerarsi tra i componenti della spina dorsale che ha vinto lo Scudetto nella stagione 2022-2023. Al fianco di Pascalau, ha dato grandi garanzie a Borbei. Sulla vittoria del tricolore c’è proprio la sua firma, arrivata a tempo scaduto; il colpo di testa vincente, a premiare la sponda di Hegland, fece esplodere di gioia i tifosi del Lecce presenti al Mapei Stadium per la finale contro la Fiorentina.

Il suo rendimento nel Varnamo, in Allsvenskan

Come anticipato, è in forza nel Varnamo, club che milita a metà classifica nell’Allsvenskan, massima serie. Il campionato svedese ha delle date differenti da quello italiano, dunque Hasic è già alla sua seconda stagione (iniziata a febbraio), dopo essere stato acquistato in corsa.

Se nell’Allsvenskan 2023 aveva collezionato appena 4 presenze, tutte da subentrato, e 51 minuti complessivi, nel campionato in corso si sta togliendo più soddisfazioni. La gioia del gol o dell’assist gli manca, però è sceso in campo 8 volte, disputando il 59% dei minuti stagionali.

Ancora polemiche sugli stranieri nella Primavera del Lecce: a farle i soliti disinformati
3 squadre su Valeri: l'ex terzino del Lecce rimarrà in Serie A