header logo

Sesso con una ragazzina di 16 anni, a pochi passi dalla spiaggia. E’ accaduto nel Salento, a Porto Cesareo per la precisione.  C’è un’indagine in corso.

Nell’atto non sarebbe stata consumata violenza, questo da quanto emerge. La cosa grave è che si tratterebbe di una minorenne per lo più in stato decisamente non sobrio: quindi poco cosciente.

Da qui, gli investigatori indagano sulla troppa facilità dell’uomo a non  avere contezza delle condizioni anagrafiche, fisiche e psicologiche della 16enne. 

Le forze dell’ordine sono al lavoro, nelle prossime ore se ne saprà di più.

Rete Nazionale Antiviolenza a sostegno delle donne vittime di violenza

È un progetto a sostegno delle donne vittime di violenza che offre un servizio di "call center", mediante il numero telefonico:

«1522»

Gli operatori forniscono alle vittime, assicurando loro l'anonimato, un sostegno psicologico e giuridico, nonchè l'indicazione di strutture pubbliche e private presenti sul territorio a cui rivolgersi. 
Il servizio multilingue, attivo 24 ore su 24 per 365 giorni l'anno, dà una prima risposta immediata alle vittime e contribuisce all'emersione delle richieste di aiuto favorite dalla garanzia dell'anonimato.

È disponibile il cartello recante il numero verde di pubblica utilità per il sostegno alle vittime di violenza e stalking 1522 che le amministrazioni pubbliche - di cui all’art. 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165/2001 – devono esporre, in modo visibile al pubblico, nei locali dove si erogano servizi diretti all’utenza entro 60 giorni dalla pubblicazione del DPCM 30 ottobre 2020 in Gazzetta Ufficiale (21 dicembre 2020).

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"