header logo

Il tecnico Roberto D'Aversa è intervenuto ai microfoni di DAZN nel post-partita di Juventus-Lecce, impegno valevole per la sesta giornata del girone d'andata del campionato di Serie A. Il tecnico giallorosso si è soffermato sul commento alla partita sottolineando anche alcuni episodi arbitrali che hanno fatto discutere.

Episodi arbitrali

“Sul calcio d’angolo era lampante la deviazione di Rabiot. Ma non voglio far polemica o creare alibi. Sulla simulazione c’è il rammarico perché il doppio giallo ci costringe a perdere un calciatore. Alcune valutazioni sono state sbagliate. Ho preso l’ammonizione perché sul calcio d’angolo la deviazione si vedeva. Nei miei giocatori c’è correttezza, Kaba non ha fatto qualcosa per simulare. Su gol ci sono due situazioni non viste, l’angolo e il fallo di mano di Rugani. Su Kaba non c’è fallo ma non c’è neanche secondo giallo, è il secondo rosso non corretto che prendiamo. Non voglio fare polemica, analizzo gli episodi”. 

La partita

“La partita è stata equilibrata, poteva finire in pareggio. Si è fatto poco quando avevamo la palla per portare a casa un risultato positivo ma sulla fase difensiva ci siamo ben comportati. Nel primo tempo abbiamo concesso poco, potevamo far meglio quando avevamo la palla. Spesso e volentieri abbiamo forzato delle giocate e concesso delle ripartenze. Sicuramente si poteva far meglio a prescindere dagli episodi. Perdere non fa mai piacere. La squadra ha fatto un’ottima gara considerando che si giocava in casa della Juventus. Per portare a casa un risultato positivo bisogna giocare con personalità, lo abbiamo fatto ma tecnicamente abbiamo sbagliato qualcosa e potevamo essere più puliti. Sono soddisfatto della prestazione, il rammarico è nel risultato. Quando affronti una squadra che si difende bene ci vuole più qualità, sapevamo che la Juventus ci avrebbe concesso poco o nulla”. 

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"