header logo

Un calciatore del Nizza nelle scorse ore aveva minacciato il suicidio. Il ragazzo, infatti, era sul cavalcavia del ponte Magnan, sulla A8, nei pressi di Nizza. 

Vigili del fuoco, polizia e gendarmeria sono prontamente intervenuti per convincere il calciatore e dissuaderlo dal compiere il tragico gesto. Il ragazzo in questione era Alexis Beka Beka. Il classe 2001 francese di origini congolesi avrebbe preso questa decisione spinto da un problema di natura privata. Il Nizza ha inviato uno psicologo sul posto e le forze dell'ordine dopo una negoziazione hanno evitato il peggio.

Nizza, Beka Beka è in salvo

Il classe 2001 ora è in salvo dopo le minacce di buttarsi da un cavalcavia. All'origine del gesto, a quanto pare, ci sarebbe stata una rottura amorosa che avrebbe sconvolto il 22enne che quest'anno non è ancora sceso in campo con il Nizza. Lo scorso anno, il centrocampista aveva disputato 14 gare, per un totale di 544'. Beka Beka non ha sopportato la separazione dalla sua ragazza, subendo un crollo psicologico che l'ha spinto a questo gesto di disperazione. Il Nizza, comunque, ha chiesto il posticipo della partita contro il Brest in programma domenica alle ore 15:00.

Chi è Beka Beka

Nato a Parigi, prima di vestire la maglia del Nizza ha giocato a Caen e a Mosca, dove ha disputato 28 partite con la Lokomotiv. Nel 2021 ha sfidato due volte la Lazio in Europa League, giocando titolare sia in Russia sia all'Olimpico. Sempre nel 2021 ha preso parte all'Olimpiade di Tokyo con la nazionale francese. Vanta anche una decina di presenze in tutte le selezioni giovanili transalpine esclusa l'Under 21. Nel 2019, con la Francia U18, ha sfidato l'Italia di Samuele Ricci ed Elia Caprile, oggi in A con Torino ed Empoli. 

 


 

Lecce-Sassuolo, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"