header logo

Thiago Motta, tecnico del Bologna, ha parlato in conferenza stampa nell’antivigilia della sfida del Dall’Ara contro il Lecce. Ecco di seguito le sue parole: 

Io guardo al campo, al Lecce, non riesco nemmeno a pensare alla Fiorentina, sarà una grande partita davanti al nostro pubblico, proveremo ad affrontarla al massimo come tutte le partite: il resto conta meno. Siamo concentrati su ogni singola partita, io e i miei ragazzi abbiamo il dovere e la responsabilità di pensare al campo e al Lecce, che è la prossima. 

Il rientro di Ndoye 

Thiago Motta ha commentato il recupero dell’esterno d’attacco, tornato dopo un lungo stop. 

È carico ma non mi sorprende, siamo contenti di riaverlo in gruppo, ci potrà dare una mano sicuramente. Io lo vedo molto bene, conosco bene il ragazzo e se la squadra ha bisogno, quando avrà bisogno, sono convinto che sarà disponibile, com'è stato sempre. Saelemaekers? Alexis sta bene, è un altro ragazzo che in questo gruppo aiuta, contribuisce con gli allenamenti ed il suo lavoro, quando la squadra avrà bisogno di lui.

Baschirotto e Doveri

Il Lecce 

Le parole del tecnico dei felsinei. Attraverso queste frasi ha dimostrato grande rispetto per la compagine giallorossa. 

Squadra molto intensa, pericolosa, che ha dimostrato tante volte di avere carattere. Nella partita di andata, anche se la sfida era già finita, sono andati a prendersi quel rigore e quel pareggio. Con la Fiorentina hanno cambiato la partita all'ultimo e hanno vinto. Carattere, voglia di competere: sarà una bellissima partita. Lecce importante perché è la partita davanti a noi, buona preparazione per la partita, una bella gara da giocare e siamo pronti. Qualità del Lecce? Penso che come nella partita di andata avere equilibrio contro una squadra che quando verticalizza è pericolosa sarà importante. Hanno esterni che vanno veloce come i terzini, nei recuperi e nelle transizioni hanno dimostrato di essere una squadra di livello, noi dovremo attaccare e difendere bene come sempre, limitando le loro transizioni. Siamo pronti, davanti al nostro pubblico cercando di fare tutto quello che è nel nostro controllo.

Il ritorno a Bologna di Sansone

Il tecnico infine ha commentato il ritorno da avversario di Nicola Sansone

È stato un ragazzo importante per il gruppo, all'inizio ha giocato poco, poi è stato molto importante in una posizione in cui magari non era troppo abituato. È arrivato a segnare, a difendere con e per la squadra, orientare il pressing. Importantissimo fino all'ultimo giorno e momento in cui è rimasto, quando poi abbiamo, insieme alla società, deciso che per lui era meglio trovare più spazio in un'altra squadra. Gli auguro ovviamente il meglio, tranne contro di noi. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Vucinic: "Lecce la squadra italiana che mi è rimasta più nel cuore". Chevanton: "Un onore"