SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
IL RETROSCENA

Bojinov svela: "A Corvino su Vlahovic dissi che..."

Scritto da Filippo Verri  | 

Valeri Bojinov fu una delle prime scoperte in carriera di Pantaleo Corvino.

Nel 2000, quando aveva appena 14 anni, venne scovato dal direttore salentino e portato a Lecce, dove esordì ad appena 15 anni e 11 mesi, diventando il più giovane straniero a scendere in campo in Serie A.

Tanto talento che lontano dal Salento ha incontrato più difficoltà del previsto; ora a 35 anni, dopo un'esperienza in patria al Levski Sofia, medita sul suo futuro, e intanto si diletta a commentare quanto accade nel mondo del calcio.

Riguardo il passaggio di Vlahovic alla Juventus si è espresso in questi termini, come riportato da calciatorisocial:

“Dušan, auguri per il tuo compleanno e per il tuo traguardo raggiunto, ovvero andare a giocare in una signora squadra come la Juventus. Ti auguro tanti successi, fortuna, gol e di vincere molti campionati. Ti auguro di vincere la Champions ed il pallone d’oro e di superare Cristiano Ronaldo nei record da lui stabiliti. Ho avuto la fortuna di conoscerti quando avevi quindici anni, adesso sei diventato un uomo, un ragazzo sincero e semplice con il quale si può ridere e scherzare senza problemi.  Sei cresciuto molto in questi anni ed il tuo lavoro ed il tuo impegno a Firenze non è un caso. Non dimenticherò mai quando il direttore Pantaleo Corvino mi chiese un mio parere su di te. Io risposi che se ti avesse preso subito da giovane, nel giro di pochi anni saresti esploso. Io a Corvino dissi che il tuo obiettivo fin da piccolo era quello di diventare più forte di Ibrahimovic e di giocare nella Juventus. Stesso discorso feci a Corvino su Milenković. All’epoca nella Fiorentina c’era Pioli e spiegai al direttore che il ragazzo era forte e doveva soltanto migliorare in alcune cose. Ero sicuro che prenderli a poco, avrebbe però garantito di rivenderli a tanto. Mi auguro che Milenković, come Vlahović, possa trovare una grande squadra dopo la Fiorentina. Con Vlahovic mi sono sentito telefonicamente e ho spiegato a lui di essere arrivato in un grande club. A Dušan ho detto di continuare così e di lavorare. Sei un giocatore che sotto pressione va a nozze, quindi non credo che tu avrai problemi. ”


💬 Commenti