header logo

Con un altro punto, conquistato sul campo del Cagliari (e, per certi versi, ‘stretto’ visti i due legni colpiti sul finire dell'incontro…) il Lecce continua ad inanellare risultati utili e a viaggiare speditamente verso la seconda salvezza consecutiva in Serie A. Il traguardo, ad oggi, è più vicino come non mai.

La certezza aritmetica della permanenza dei giallorossi nel massimo campionato italiano non è ancora arrivata però, pertanto - come ogni settimana - è interessante valutare quale sia la quota di ‘galleggiamento’ aggiornata, tenuto conto del fatto che nell’ultimo turno di campionato tutte le ‘concorrenti’ dei salentini hanno ottenuto dei punti e smosso la classifica (rispettivamente, Sassuolo e Verona 3 e Cagliari, Empoli, Frosinone e Udinese 1).

Come già specificato nell’ultimo periodo, è bene sottolineare un concetto basilare: la fatidica quota salvezza è stimata settimana dopo settimana e fornisce una proiezione ottenuta dalla combinazione di una serie di fattori diversi (fra cui le possibilità dei risultati che possono essere ottenuti in funzione del calendario futuro, la probabilità del calcolo combinatorio statistico e i trend di risultato fin qui incamerati da ciascun team invischiato nella lotta per non retrocedere). 

In pratica, il ragionamento che faremo di seguito è valido solo qui, ora e adesso. A che serve, quindi, calcolare la quota salvezza prima della sua ‘ufficialità’? Beh, è utile a comprendere a quali valori può avvicinarsi nella realtà, seppur non sia dirimente in senso pieno fino a quando non viene accertata la famigerata ‘certezza matematica’.

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Strefezza in A con il Como? Ecco quanto incasserebbe il Lecce