L'OPINIONE

De Zerbi furioso: "La Superlega toglie l'essenza del calcio"

Scritto da Redazione  | 
Roberto De Zerbi

Anche il tecnico del Sassuolo Roberto De Zerbi parla della neonata SuperLega definendola un colpo di stato. L'ex allenatore di Foggia e Palermo è furioso per quanto deciso dai club fondatori:

Sono molto arrabbiato perché domenica è stato fatto un colpo di stato! Questo episodio equivale un colpo di stato nel calcio, nei contenuti e nella modalità. Nei contenuti perché il calcio è di tutti ed è meritocratico. Nella modalità perché si poteva fare alla luce del sole, invece comunicati congiunti a mezzanotte, il sito nuovo, come se qualcuno dovesse porre le bandiere in un posto che aveva sottratto a qualcun altro. È un comportamento che va a ledere un diritto che non è solo circoscritto al calcio, il diritto che il più debole possa farsi strada, come se non potesse sognare un futuro più bello di quello che dice la sua provenienza, come se un figlio di un operaio non possa sognare di fare il chirurgo, l'avvocato, il dottore. È una cosa che mi urta i nervi. È come se mi avessero detto, ai tempi dell'oratorio, il pallone è mio, l'ho portato io e gioco io. È finito il tempo dell'oratorio. Io credo che il calcio abbia un ruolo sociale diverso dagli altri sport, è così per l'Italia e l'Europa, giusto o non giusto che sia. Fare una Superlega dove loro decidono chi deve entrare e decidono chi sta fuori, va a togliere l'essenza del calcio. Io sono partito quest'anno spingendo il sogno del quarto posto, del quinto, del sesto. Forse io e la mia società siamo coglioni perché ancora sogniamo ma qualche risultato lo abbiamo fatto e qui si tratta di metterci la faccia.


💬 Commenti