header logo

Rodolfo Vanoli, ex storico difensore del Lecce, ha parlato così alla Gazzetta del Mezzogiorno, commentando il periodo che stanno vivendo i giallorossi in questo momento: 

Ho assistito a diversi match allo stadio e ho visto gli altri in televisione. L’undici allenato da D’Aversa ha iniziato alla grande, andando ben oltre le più rosee aspettative ma ha subito un’involuzione negativa. Diversi gol sono arrivati per errori concettuali, marcature totalmente sballate. La sfida con l’Inter non fa testo. I neroazzurri sono fuori dalla portata di quasi tutte le avversarie. Nonostante ciò, è inconcepibile una rete come la prima di Lautaro, ci sono stati più strafalcioni, l’ultimo la marcatura dell’argentino, che va a nozze se gli si lascia una corsia preferenziale per arrivare in area. Di svarioni ce ne sono stati altri da un paio di mesi. Occorre più attenzione, cattiveria agonistica e scaltrezza. Ci si deve arrangiare anche contro calciatori più forti. 

I motivi

Il difensore ha analizzato, a suo parere, i motivi di queste difficoltà in campionato 

In parte incide la caratura degli avversari affrontati, che hanno sfruttato le distrazioni mettendo a nudo ciò che non è andato. Un po’ ha inciso l’inesperienza di alcni. Inoltre, ho la sensazione  che qualcuno abbia troppe apprensioni e quando non si è tranquilli tutto si complica.

Rodolfo Vanoli

Come rimediare

Con la sua esperienza Vanoli ha cercato di dare qualche consiglio alla truppa giallorossa

Come venirne fuori? Mantenere i nervi saldi in primis. La classifica sorride ancora e il +4 di margine non è roba da poco. La società ha saputo comportarsi, dal presidente al responsabile dell’area tecnica. Va aggiunta una tifoseria fantastica, capace di suonare la carica. I calciatori sono attaccati alla maglia e devono stare tranquilli. Da qui alla conclusione conterà solo la concretezza: la permanenza in A si conquista solo con risultati positivi.

La prossima contro il Frosinone

Infine, un parere sulla prossima fondamentale partita contro i ciociari 

Il Frosinone lascia giocare ma gioca. Sono la difesa più battuta del torneo, ciò significa che concedono spazi. Il Lecce dovrà avere pazienza, sfruttando a dovere appunto gli spazi ed evitando errori. In difesa, il rientro di Pongracic è fondamentale. Il croato è indispensabile, sia in fase di non possesso sia quando c’è da impostare. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Frosinone-Lecce: arbitra Guida, i precedenti. Al VAR Marini