Liverani: “Chi andrà in campo col Parma farà la partita della vita”

Il Lecce si gioca il tutto per tutto, l’obiettivo dichiarato contro il Parma è la vittoria sperando che il Genoa, contro il Verona, non riesca a vincere.

Fabio Liverani, tecnico del Lecce, ha dichiarato attraverso i canali ufficiali della società: “Nelle ultime tre trasferte prima di Udine i miei ragazzi avevano giocato bene e meritavano sicuramente di più. Udine per noi era l’ultima occasione per poter rimanere appesi alla Serie A e la squadra ci ha messo qualcosa oltre quello che poteva e ha conquistato i tre punti che ci permettono ancora di sperare. Noi in questo momento storico della stagione dobbiamo dare il massimo. Bisogna preparare la partita contro il Parma al meglio e vincerla in qualsiasi modo, poi dovremo aspettare il risultato finale di Genoa-Verona che ci darà il verdetto finale”.

Sia il Lecce che il Genoa sfideranno club già salvi. Liverani spiega: “Le partite vanno giocate tutte, sono complicate da vincere. Il campionato ha sempre detto questo e a prescindere da chi si affronta bisogna sempre guardare questo. Poi a fine gara vedremo i risultati… Cosa non dovrà mancare in campo contro il Parma? Il cuore e la testa in questo momento sono le componenti fondamentali. E’ l’ultima, la fine, non c’è altro e bisogna scendere in campo con tutto quello che ognuno di noi avrà in corpo. Situazione infortunati? Abbiamo ancora 24 ore e cerchiamo di ritrovare qualsiasi energia per recuperare chi ha giocato di più e ha avuto degli malanni. Chi andrà in campo col Parma farà la partita della vita. Metterà tutto e poi vedremo se basterà. Meccariello al posto dello squalificato Paz? Diciamo che non ci sono tantissime scelte. Abbiamo a disposizione due soli centrali, quindi se non ci saranno problemi giocherà lui. Stadio vuoto? E’ normale che per noi i 20mila abbonati assenti sono stati un fattore negativo, sia in casa che fuori ci seguivano in massa. E’ un inconveniente grande, ma è così per tutti e ce ne dobbiamo fare una ragione. La Serie A è un capitale di tutti, va lottato e difeso fino alla fine”.