L’articolo che vi proponiamo è stato scritto da un nostro lettore. Quello che segue è l’articolo così come è stato inviato dunque senza correzioni e senza entrare nel merito delle questioni. Al di là del suo contenuto – sia esso o meno condivisibile – ci dissociamo per la natura e la tipologia di scritto. Questo è solo uno spazio messo a disposizione dei lettori che vogliono esprimersi in maniera compiuta e vogliono dare risalto al loro pensiero. 

Vi ricordiamo che tutti potete scrivere un articolo inserendolo dalla sezione “scrivi un articolo” presente nel menu.

di Tommaso Miceli

Il Lecce visto ieri nella prima mezzora sembrava una squadra di alta classifica: ha tenuto il campo con disinvoltura giocando praticamente alla pari contro la prima della classe. Cos’è cambiato rispetto alla sconcertante performance vista solo 3 giorni prima contro il Milan?! Semplice: questa volta mister Liverani ha disposto i suoi uomini con un modulo razionale e funzionale, ognuno al suo posto, senza mettere giocatori fuori ruolo come purtroppo spesso ha fatto nel corso di questo campionato. Il 3-5-2 è certamente il modulo ideale per questa squadra e Liverani deve avere la saggezza di non abbandonarlo più da qui alla fine del campionato se vuole centrare la salvezza. Non è più tempo di esperimenti, prove, tentativi! Occorre puntare sul modulo che ha tenuto a bada la Juve per mezzora, giocando alla pari!
La brutta notizia è che Liverani continua a mostrare delle sviste tecniche piuttosto strane e preoccupanti:

1) È inverosimile come continui ad affidare la regia del centrocampo a Tachtsidis: il ragazzo è improponibile a questi livelli, è lento, insicuro, impreciso…Liverani lo aveva finalmente tolto di squadra prima del lockdown a causa dei suoi infiniti blackout, adesso lo rimette titolare non si sa per quale ragione!!! Ha a disposizione un talento purissimo come Petriccione per il ruolo di regista! È un mistero come, avendo il mister giocato proprio in quel ruolo e ad alti livelli, non veda la differenza abissale che c’è fra i due giocatori!!! Preferire Tachtsidis a Petriccione è come preferire un trattore ad una Alfa Romeo spider.

2) Un’altra scelta tecnica misteriosa è quella di Shakhov, che si è sempre fatto notare per non essersi fatto notare. Un calciatore evanescente, che tocca pochissimi palloni e quando li tocca spesso lo fa male (vedi il primo gol inopinatamente regalato alla Juve).

3) Il Lecce ha due terzini formidabili per il 3-5-2: Rispoli e Calderoni. Tecnica, corsa continua, personalità. Non bisogna mai preferirgli altri, perché gli altri che hanno giocato in quel ruolo, non si sono mai dimostrati superiori a questi due ragazzi eccellenti. Mai!

4) Ieri il Lecce, non solo ha giocato alla pari con la Juve fino a che è stato in parità numerica, ma anche in 10 stava tenendo bene. Poi, il regalo di Shakhov, ma quel che è peggio i 3 regali di Liverani: ha sostituito Falco, Mancosu e Petriccione, i 3 più talentuosi, consegnando il Lecce al suo destino. Non si deve mai prescindere dalla classe, dalla tecnica, dall’intelligenza calcistica, a meno che un calciatore sia in una giornata mostruosamente no (ma non mi pare proprio il caso dei 3 menzionati nella partita di ieri).

5) Se il Lecce ha giocato così bene contro la Juve, nonostante la presenza in campo di due giocatori mediocri come Tachtsidis e Shakhov, cosa sarà in grado di fare se Liverani metterà in campo i migliori di cui dispone? A tal proposito mi permetto di suggerirgli quella che secondo me oggi sarebbe la formazione ideale.

Gabriel fra i pali, difesa a tre con Meccariello, Rossettini e Lucioni, esterni Rispoli e Calderoni, Petriccione in regia, Barak e Mancosu interni di centrocampo, Falco e Farias in attacco.

Mi sento di dire che un 3-5-2 con questi uomini in campo condurrà a una salvezza tranquilla.

Forza Lecce, forza Liverani, forza ragazzi, con intelligenza, umiltà e fiducia in se stessi, la salvezza è sicuramente alla portata!