Visibilmente emozionato Filippo Falco, fantasista del Lecce, ospite della puntata 1508 di Piazza Giallorossa su TeleRama, ha parlato della vittoria ottenuta a Napoli. Un successo frutto del lavoro maturato anche grazie all’innesto dei nuovi arrivati Saponara, Barak, Deiola, Donati, Paz che si sono integrati in pochissimo tempo in un gruppo già collaudato: “Il gruppo che abbiamo è già unico dall’anno scorso, altrimenti non avremmo vinto, quindi chiunque arriva lo accogliamo benissimo e la società sceglie prima bravi ragazzi e poi calciatori e appena arrivano non fanno fatica ad ambientarsi. Già adesso i nuovi ci hanno dato una grande mano e sicuramente continueranno a farlo”.

Lo zoccolo duro della tifoseria non era presente al San Paolo a causa del divieto ai non possessori della tessera del tifoso ma l’accoglienza tributata alla squadra è stata molto calorosa: “Non sono potuti venire a Napoli ma ci hanno accolto in modo unico, hanno bloccato tutta la stazione, siamo stati fermi mezzora, abbiamo cantato insieme, per noi è stata un’emozione incredibile, ci hanno supportato sempre. E penso che ci sia più compattezza e ci daranno una mano a raggiungere l’obiettivo finale”.

Un buon campionato il suo, tre perle in campionato, contro il Sassuolo, il Genoa e il Torino, in gol anche in Coppa Italia con la Salernitana, e tanti assist nonostante un fastidio al ginocchio. Mister Fabio Liverani, da buon padre di famiglia lo ha gestito, perché l’infortunio, seppur di lieve entità, è stato fastidioso: “Mi ha frenato un po’ dopo Sassuolo, me lo sono portato avanti, ho ancora un po’ di fastidio però adesso va molto meglio, però limitato un po’, ho dovuto giocare infiltrato, non ero nella condizione ottimale; il mister è stato bravo, ha preferito in alcune partite farmi giocare, e altre no”.

Le sue prestazioni non sono passate inosservate nemmeno per il CT della nazionale Roberto Mancini che ha messo un like proprio ad una sua prestazione, ed in trasmissione è stato lanciato l’ashtag #FalcoinNazionale”, Pippo ci scherza ma sarebbe un sogno: “Mi ha fatto piacere il like, però mi farebbe piacere una convocazione” (sorride n.d.r)

Sabato arriva la Spal, sfida importantissima per la salvezza, questo è un momento particolare per il campionato intero ed il prossimo turno potrebbe diventare il crocevia per il futuro: “In questo momento dobbiamo pensare solo a noi, affronteremo, in questo rush finale, ogni partita come fosse una finale. Nel prossimo turno il Brescia ha una gara partita difficile con il Torino, e anche Genoa – Bologna non è semplice. La nostra gara però è la più difficile, potremmo dare una grande mazzata alla Spal.
Il mister ci prepara al meglio, e su quello che prepariamo non possiamo sbagliare, poi le partite molte volte nascono in un modo; quest’ano non era mai successo di fare due vittorie di fila e la terza sarebbe veramente un bel passo in avanti”.

Infine una promessa fatta con il candore del bravo ragazzo che ama la maglia che indossa: “Darò sempre tutto me stesso per questa squadra e farò di tutto per salvare questa serie A”.

Sabato arriva la Spal, sfida importantissima per la salvezza, questo è un momento particolare per il campionato intero ed il prossimo turno potrebbe diventare il crocevia per il futuro: “In questo momento dobbiamo pensare solo a noi, affronteremo, in questo rush finale, ogni partita come fosse una finale. Nel prossimo turno il Brescia ha una gara partita difficile con il Torino, e anche Genoa – Bologna non è semplice. La nostra gara però è la più difficile, potremmo dare una grande mazzata alla Spal.
Il mister ci prepara al meglio, e su quello che prepariamo non possiamo sbagliare, poi le partite molte volte nascono in un modo; quest’ano non era mai successo di fare due vittorie di fila e la terza sarebbe veramente un bel passo in avanti”.