La formazione Primavera del Lecce torna al successo e lo fa su un campo ostico, quale Benevento. Gli uomini di Siviglia dimostrano di essere squadra vera e gruppo unito, vincendo una gara che sembrava essersi incanalata su binari sbagliati.

Nella prima frazione di gioco sono stati i giallorossi sanniti ad avere il pallino del gioco, trovando per due volte la via del gol. Prima Mancino e poi Garofalo hanno timbrato il cartellino, lasciando presagire ad un’altra sconfitta per Monterisi e compagni. I campani hanno approcciato meglio, giocando un calcio a tratti spumeggiante.

Il Lecce questa volta, però, ha saputo reagire e lo ha fatto da grande squadra nella ripresa. Complice anche l’espulsione di Pastina, a causa di una doppia ammonizione, i salentini hanno ritrovato spinta e coraggio, segnando a ripetizione con Oltremarini, l’ex dell’incontro Rimoli ed il capitano Monterisi, il quale ha siglato un goal fondamentale in pieno recupero.

Nonostante le tante assenze, dovute alla convocazione in prima squadra di Maselli ed a qualche infortunio di troppo, la compagine di Mister Siviglia ha saputo superare il momento negativo, lasciandosi alle spalle i blackout che hanno condizionato le ultime partite.

Ora i giallorossi stazionano alla terza posizione in classifica, alla pari con il Livorno, a quota 19 punti. L’Ascoli capolista non sembra intenzionato a fermarsi ed è in vetta a 30 punti, mentre il Trapani di Scurto è a sole cinque lunghezze.

Nel prossimo match, dopo la sosta natalizia, la squadra giallorossa affronterà proprio la capolista, in una gara di vitale importanza per le ambizioni dei ragazzi leccesi. Sarà necessario ricaricare le batterie, recuperare gli infortunati e ritrovare l’entusiasmo che una vittoria come quella di ieri può alimentare, per tornare a lottare per le posizioni di vertice. La convocazione in prima squadra deve essere l’obbiettivo di questi ragazzi, che rappresentano il futuro dell’U.S. Lecce.