Racale, la Città della Follia ricorda Giacomo Leopardi

Che Giacomo Leopardi sia uno dei più grandi poeti al mondo nessuno lo può mettere in discussione. Che sia anche filosofo, invece, può creare un acceso dibattito.

Eppure per alcuni storici Giacomo Leopardi è anche uno straordinario filosofo (forse il sommo).
Il nuovo incontro di Filofollia. Sul filo della follia tra Arte e Filosofia sarà dedicato proprio a questo tema “…Nel pensier mi fingo”. Leopardi e la filosofia.
Sarà interessante cogliere il pensiero filosofico di Leopardi attraverso il confronto tra il prof. Massimiliano Biscuso e il prof. Fabio Ciracì. Ad introdurli sarà Franca Capoti.

Ad intervallare la discussione saranno le letture a tema di Anna Ronga, Chiara De Matteis, Maria Basurto, Francesca Cozza e Alice Maffei.
L’appuntamento è per domani 27 agosto, nella Corte di palazzo d’Ippolito a Racale (via Immacolata, Corte I), alle ore 21.00.
Nell’ambito del Festival delle Buone Pratiche di Racale.

Città della follia, ideato ed organizzato dal Comune di Racale, “FILOFOLLIA, sul filo della follia, tra arte e filosofia”, è un vero e proprio percorso filosofico portato avanti da InDisciplinati – eventi, cultura, spettacolo, Granelli di Sabbia – ONLUS, Compagnia Témenos Recinti Teatrali, in collaborazione con Dialettica e Filosofia e l’Università del Salento (Corso di Laurea in Filosofia).

“Nel pensier mi fingo”, il verso che dà il titolo all’ultimo incontro dell’edizione 2019 di Filofollia, fa parte della poesia L’Infinito che, proprio quest’anno, ha visto celebrare la bellezza di 200 anni dalla sua stesura. Per tutta la durata dell’anno l’amata poesia di Leopardi è stata e sarà al centro dell’attenzione mondiale.

Il progetto “Racale città della follia” è vincitore dell’Avviso Pubblico triennale per le Attività Culturali della Regione Puglia (FSC 2014-2020 – “Patto per la Puglia”).

Iweblab