header logo

La giunta comunale di Lecce e San Cesario ha approvato un progetto di fattibilità tecnico-economica per la realizzazione di un nuovo percorso ciclabile. Questo percorso, lungo 3,3 chilometri, collegherà i poli ospedalieri dei due comuni e si connetterà alla rete ciclabile già esistente in città.

Ecco i dettagli principali del progetto:

  • Percorso: Il percorso si svilupperà lungo la direttrice della SP 362, partendo dall’Ospedale Galateo nel Comune di San Cesario. Attraverserà il polo commerciale e proseguirà lungo il quartiere Aria Sana fino all’Ospedale Vito Fazzi. Qui si ricongiungerà con la pista ciclabile esistente su Via Gino Rizzo, che a sua volta è connessa alla rete cittadina e tocca le principali infrastrutture di mobilità della città.
  • Finanziamento: Il progetto sarà presentato congiuntamente dai due Comuni all’Avviso pubblico del Ministero delle Infrastrutture per l’erogazione delle risorse del Fondo per lo sviluppo di ciclovie urbane intermodali, istituito con la legge 179/2022. Se la partecipazione all’avviso ministeriale avrà esito positivo, un milione di euro sarà impiegato per la realizzazione dell’opera.

È un passo importante per promuovere la mobilità sostenibile e migliorare l’accessibilità tra i poli ospedalieri. 

Sul punto è intervenuto anche l’assessore alla Mobilità sostenibile Marco De Matteis:

È un progetto ambizioso che abbiamo pensato, realizzato e che presenteremo insieme al Comune di San Cesario consentirà, se finanziato, di collegare alla rete ciclabile cittadina un percorso protetto che comincia in un comune confinante, connettendo e attraversando infrastrutture civili e commerciali di grande importanza, in primis i due poli ospedalieri. E soprattutto garantirà sicurezza a chi raggiunge Lecce da San Cesario, in bicicletta, percorrendo la distanza davvero minima che esiste tra i due centri abitati. Voglio ringraziare sentitamente il sindaco Giuseppe Distante, i funzionari del Comune di San Cesario e i nostri uffici. Estendere la rete ciclabile cittadina ai comuni contermini, grazie alla collaborazione e all’impegno comune per la sicurezza dei ciclisti, è ormai un investimento infrastrutturale necessario. Ricordo che sono in corso iniziative simili con Monteroni, la cui rete ciclabile si connetterà al percorso della pista per Ecotekne e che la pista ciclabile esistente in zona industriale lambisce il territorio di Surbo, comune con il quale potemmo lavorare per la definitiva riconnessione e con il quale già in altre occasioni abbiamo avuto modo di collaborare proficuamente a favore della sicurezza stradale.

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Novoli salvo, grande festa al triplice fischio