header logo

Il campionato è ormai terminato dopo il pareggio ottenuto ieri al Diego Armando Maradona contro il Napoli. Si pensa, quindi, già a programmare la prossima stagione, un’annata complicata nella quale la società giallorossa non vuole di certo farsi cogliere impreparata.

Contro chi si parte? 

La prima competizione alla quale prenderanno parte i giallorossi sarà la Coppa Italia 2024-2025, che darà il via alla stagione delle squadre di Serie A e Serie B. Come riportato da Cittadellaspezia.com, i liguri entreranno in corsa nella coppa nazionale come testa di serie numero 35 e troveranno sul loro cammino la testa di serie numero 14, ovvero la quattordicesima classifica della Serie A appena conclusa, il Lecce dell’ex Luca Gotti. 

Oudin ed Agudelo

Contro una ex 

La prima partita ufficiale della nuova stagione, quindi, potrebbe essere proprio Lecce-Spezia, nella settimana precedente all’inizio della Serie B, osia attorno all’8-11 di agosto. Luca Gotti, attuale tecnico del Lecce che salvo stravolgimenti rimarrà anche nella prossima stagione, affronterebbe dunque una sua ex squadra, l’ultimo club che lo ha esonerato in Serie A nonostante la compagine bianconera non fosse nelle ultime tre posizioni di classifica. 

Il proseguo del tabellone 

La vincente della sfida tra la testa di serie numero 14 e la numero 35 sarebbe di seguito avversaria della squadra vincitrice tra la testa di serie numero 22, il Sassuolo appena retrocesso in B, e la testa di serie numero 27, ovvero la Sampdoria, penultima squadra qualificata ai playoff nell’annata appena conclusa.

Questo percorso, sebbene non ancora reso noto in maniera ufficiale, dovrebbe essere quello che attende il Lecce nella prossima Coppa Italia, una competizione che di solito non regala particolari gioie al club di Via Costadura. Intanto, però, non vogliamo accettare che il campionato sia terminato ieri e siamo già proiettati verso la nuova stagione. 

Seguici su Twitch per non perdere le nostre trasmissioni in diretta
Morena Stifani, dal ritiro con la Nazionale alla medaglia d'argento