header logo

Lecce e Genoa sono pronte a darsi battaglia. Domani sera il “Via del Mare” tornerà a tingersi di giallorosso per sostenere i salentini che tornano tra le mura amiche per sfidare la squadra allenata da Gilardino, provando a ottenere un altro successo davanti ai propri tifosi, dopo quelli contro Lazio e Salernitana rispettivamente alla prima e terza giornata, e guadagnare punti preziosi in ottica salvezza.

Gli incroci tra queste due squadre hanno sempre portato tantissimi gol, tanto è vero che la media realizzativa nei precedenti incontri è pari a 4.

Le ultime volte, in Serie A, non sono mai mancate le emozioni. Al “Via del Mare”, ad esempio, nella stagione 2019/20 con Liverani in panchina per i salentini, la gara terminò in parità con il risultato di 2-2: i giallorossi, riuscirono a rimontare l’iniziale doppio svantaggio rossoblù messo a segno da Pandev e Criscito, grazie alle reti di Falco e Tabanelli; anche nel 2011/12 l’incontro finì con lo stesso punteggio con reti di Muriel e Brivio da un lato e doppietta di Sculli dall’altro; la stagione precedente, invece, vinse il Genoa per 3-1 mentre nel 2006/07 ci furono addirittura ben cinque reti con la vittoria finale dei salentini, allenati da Zeman, per 3-2 che segnarono con Diamoutene, Petras e Juliano.

Questo trend, in realtà, viene conservato anche a Genova. Nemmeno al Ferraris, infatti, è mai mancato lo spettacolo, sebbene non sia mai stato particolarmente gradevole per i giallorossi: nel 2010/11 il Grifone s’impose per 4-2 grazie alle doppiette di Floro Flores e Palacio che di fatto annullarono quella messa a segno da Di Michele per i salentini mentre nel 2008/09 vinsero per 4-1 con gol di Jankovic, Criscito e Milito per due volte.

Quella di domani sera, per tanto, potrebbe essere l’ennesima occasione di come queste due squadre, ogni volta che s’incrociano, non manchino di regalare alla propria gente divertimento e spettacolo a suon di gol e continue giocate.

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"