SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
GIOVANE ESPERTO

L'errore e poi un gran secondo tempo: che personalità Morten

Scritto da Andrea Sperti  | 
foto di Giulio Paliaga

Morten Hjulmand ha giocato due partite in una contro la Spal ed adesso proviamo ad analizzare la sua prestazione di martedì sera.

Nel primo tempo il danese ha sbagliato parecchi appoggi ed alla fine si è anche fatto scippare il pallone del pareggio spallino, con Seck che è riuscito a sfruttare una sua disattenzione ed a servire poi Colombo per la rete dell’1 a 1.

Un errore del genere avrebbe potuto abbattere chiunque ma non il centrocampista classe ’99, che nella ripresa è entrato con un altro piglio, voglioso di riscatto. Ne secondo tempo Morten non ha sbagliato praticamente nulla, verticalizzando con precisione e schermando la difesa dalle folate offensive avversarie.

È normale che un ragazzo della sua età commetta degli errori ogni tanto e forse anche questi lo aiuteranno a crescere ed a migliorare. Hjulmand, nonostante abbia solo 22 anni, è già un leader indiscusso di questa squadra e spesso è soggetto alla marcatura a uomo dai parte dei tecnici avversari, che cercano ogni modo per contenerlo senza permettergli di toccare troppi palloni.