header logo

Arrivato a Lecce durante l’ultima sessione di mercato, Lorenzo Venuti come i più grandi amori che fanno giri immensi per poi ritornare dove si è stati bene ha scelto di nuovo il Salento per proseguire la sua carriera, ritrovando l’affetto dei suoi tifosi e il sostegno dell’intera piazza.

Nell’ultima stagione, in maglia Viola, Lollo è andato vicinissimo alla vittoria di un prestigioso trofeo internazionale: la Conference League, perdendo la finale solo agli ultimi minuti, rimanendo inevitabilmente con l’amaro in bocca per l’impresa sfiorata.

Oggi, di nuovo in forza per i colori giallorossi, è pronto a riprendere il percorso interrotto ben quattro stagioni fa, con una promozione ottenuta con Liverani in panchina. In quell’anno 33 presenze e anche due gol, contribuendo in maniera non indifferente al raggiungimento dell’obiettivo finale.

Trinchera e Venuti

Certo, con Gendrey sulla stessa fascia non sarà mica facile riuscire a insidiargli un posto per una maglia da titolare ma se c’è qualcosa che caratterizza il ragazzo in maglia 12, oltre alla serietà e massima professionalità mostrate durante gli allenamenti, è la determinazione e la grinta impiegate giornalmente per trovarsi in qualsiasi momento pronto e all’altezza dell’intero contesto. Con lui la squadra non ritrova solo una validissima alternativa da poter impiegare durante le partite, da qui fino alla fine della stagione, ma un carismatico leader su cui poter fare affidamento per l’intero spogliatoio.

Juventus-Lecce Lorenzo Venuti

L’esperienza appena conclusa con il suo vecchio club è stata sicuramente significativa per crescere e migliorare, non a caso in diverse occasioni gli è stata affidata la fascia da capitano per trascinare i propri compagni durante gli incontri. La piazza ritrova pertanto un ragazzo più maturo, consapevole di quanto fatto. Qualche giorno fa la nascita del suo primogenito. Nuove responsabilità, una nuova avventura, completamente diversa rispetto a quelle vissute.

Probabilmente la scelta di tornare a calcare l'erba del Via del Mare è stata la migliore che potesse intraprendere. Per affermarsi, per mostrare di avere ancora tanto, tantissimo da dire.

Ѐ vero sì, in questo avvio di torneo ancora una sola presenza. Ma ci sarà tempo, sarà fondamentale anche lui per la causa, serve solo pazienza, aspettare il momento giusto. L’importante sarà farsi trovare, non deludendo le aspettative, continuando a regalare emozioni e a raggiungere obiettivi. Noi tutti non vediamo l’ora.

Udinese-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"