SEGUICI SU TWITCH

Offerta da
L'AVVERSARIO

Vicenza, Padella: “Non andremo a Lecce per fare le vittime sacrificali”

Scritto da Andrea Sperti  | 

Emanuele Padella, leader difensivo del Vicenza di Brocchi, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa dopo la pesante sconfitta subita contro il Como.

Ecco di seguito le sue parole: 

“C'è poco da commentare. Finisce la gara, ci guardiamo in faccia e diciamo sempre le stesse cose. Abbiamo fatto bene, tanti tiri in porta ma alla prima palla sporca, prendiamo gol. Qualcosa non va, lo scorso anno facevamo partite sporche e vincevamo. Quest'anno ci sfugge qualcosa, non siamo un gruppo che dovrebbe essere ultimo in classifica. Questo è un gruppo troppo serio, non ci sono mele marce, non c'è assolutamente nulla e ve lo posso garantire io che sono 17 anni che vedo gruppi. C'è un gruppo serio che combatte e che lotta. Nelle ultime 5 gare, avremmo meritato 7 punti in più, ma non abbiamo preso nemmeno 3 pareggi con Brescia, Benevento e Como. Un'altra sconfitta e siamo ultimi, però non molliamo. Sto qui e ci metto la faccia, Stefano ha messo la faccia, ce la mettiamo tutti la faccia. Siamo un gruppo di uomini che dalla C ha cercato di osare tanto a questa maglia e dobbiamo continuare ancora a lottare. Il Como ha fatto mezzo tiro in porta, si è difeso, ha fatto una gara sporca, perdendo tempo, da Serie B. Noi abbiamo giocato, penso sia stato il più bel primo tempo da quando sono qui, ad alto livello, uscivamo palla a terra come il mister ci ha detto in settimana. 24 tiri, almeno un goal ci poteva stare. Dispiace soprattutto per questa città, perché poi io accompagno i miei bimbi a scuola e trovo il papà che tifa Vicenza e mi dà fastidio vede deluso che mi dà la pacca sulla spalla. Vorrei mi potesse dire “grande Emanuele, avete fatto una grande partita”. Dobbiamo solo rimboccarci le maniche, andare avanti a testa alta e pensare a Lecce, non andremo lì a fare la vittima sacrificale. dobbiamo andare lì e cercare di prendere i punti che abbiamo perso. C'è da rimanere tutti uniti perché solo così se ne esce fuori. Su chi fare la corsa? Sul Cosenza, ma possiamo pensare a noi stessi ea fare punti, dobbiamo arrivare almeno a fare i playout, il campionato di Serie B è stranissimo e nel girone di ritorno si sa che partirà un altro campionato ancora. Cercheremo di fare punti nelle 3 gare e speriamo che nel 2022 giri anche la fortuna”.