header logo

Ci sono momenti di solitudine che cadono all'improvviso come una maledizione , nel bel mezzo di una giornata. Sono i momenti in cui l'anima non vibra più. Tragedia sfiorata nelle scorse ore nel Salento . Un uomo di Sannicola ha rischiato di morire tragicamente ma due agenti della polfer di Lecce gli hanno salvato la vita.

Aveva deciso di farla finita, una telefonata al 113 per avvisare del brutto gesto che aveva in mente. Gli agenti hanno rintracciato subito la telefonata: era partita da una cabina della stazione ferroviaria di Lecce.

Due agenti della polfer hanno subito raggiunto la zona dalla quale era partita la telefonata, ma non avevano trovato nessuno davanti alla cabina telefonica pensando subito al peggio. Sono subito avviate le ricerche con la visione dei filmati catturati dalle telecamere di videosorveglianza fino a fare a racchiudere il tutto tra l’orario in cui era partita la telefonata e le persone davanti alle cabine. E’ bastato poco per riconoscere l’individuo che aveva fatto partire la telefonata. E’ partita subito la ricerca senza creare panico in stazione.

L'uomo è stato rintracciato, una persona tra le tante in sala d'attesa. Avvicinato dagli agenti ha raccontato il suo dolore, spiegando di temere l'evoluzione di una malattia che aveva paura di affrontare. Dopo un lungo colloquio, i due agenti della Polfer hanno convinto il 59enne a non mollare facendo capire lui quanto fosse importante la vita. Gli agenti successivamente sono riusciti a portarlo nei loro uffici dove gli è stato fornito un importante supporto psicologico. Successivamente sono intervenuti gli operatori del 118 che lo hanno trasportato per cure d'assistenza all'ospedalle “Vito Fazzi”.

Lecce-Napoli, dove vedere la partita in tv e in streaming: gli orari e le probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"