header logo

Patrick Dorgu ed Antonino Gallo. Il duo di mercato composto da Pantaleo Corvino e Stefano Trinchera ha scelto di affidare a questi due calciatori il compito di difendere la fascia sinistra del Lecce, quantomeno fino al mercato di gennaio.

Il primo, lo sapete, si è messo in mostra lo scorso anno, macinando avversari e chilometri con la Primavera di Coppitelli. In quella categoria è parso, da subito, dominante ed ecco allora che la dirigenza salentina ha deciso di puntare su di lui in questa stagione, nonostante la carta d’identità ricordi a tutti che parliamo pur sempre di un classe 2004, un ragazzo giovanissimo con ampi margini di miglioramento.

Antonino Gallo, dal canto suo, conosce già la Serie A per averla affrontata lo scorso anno da esordiente assoluto con la maglia del Lecce. Ha sulle spalle diversi anni di professionismo e si appresta a disputare quella che potrebbe essere la stagione della sua consacrazione. Lecce rappresenta per lui un’occasione di crescita, un trampolino di lancio per spiccare il volo e provare, magari un giorno, anche a volare verso altri lidi, lottando per obiettivi ancora più prestigiosi della salvezza.

Contro la Lazio il secondo è subentrato al primo ed entrambi hanno disputato una buona gara. Dorgu è più abile ad offendere che a difendere e dovrà crescere molto proprio sotto questo aspetto, mentre Gallo è parso già più sicuro e maturo in alcune scelte, servendo al centro anche i due palloni dai quali sono nati poi i due gol della compagine di D’Aversa.

A Firenze potrebbe esserci un’altra staffetta tra i due, con Gallo che pare in leggero vantaggio per un posto da titolare. L’ex Palermo, nella passata stagione, proprio in quello stadio è stato protagonista di uno sfortunato autogol che ha poi condannato il Lecce alla sconfitta. Ora, dopo la convincente vittoria in casa contro la Lazio, ha voglia di riscatto e di cancellare quel ricordo con una gioia, magari da 3 punti. 

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"