header logo

Faceva caldo, il Via del Mare era pieno, ma questa non è più una novità, ed il Lecce di Baroni veniva da due sconfitte consecutive contro Inter e Sassuolo nelle prime due giornate di campionato. Al Via del Mare si affrontavano Lecce ed Empoli ed era esattamente il 28 agosto del 2022, l’ultimo giorno nel quale il club salentino si è trovato nelle ultime 3 posizioni in Serie A.

Assurdo ma non scontato 

Sembra assurdo anche solo scriverlo ma facendolo probabilmente ci rendiamo conto di stare vivendo tra gli anni più intensi e soddisfacenti della nostra lunga storia. La società capeggiata da Saverio Sticchi Damiani ha un progetto visionario e lungimirante ma forse non avrebbe immaginato questo epilogo nemmeno nei sogni più ottimistici. 

Il Lecce di Baroni prima e D’Aversa e Gotti poi ha sempre dimostrato compattezza e solidità, anche nei momenti difficili, quando le contestazioni di una piazza calorosa e passionale hanno smosso la dirigenza e permesso alla squadra di riprendere la giusta via, per portare questo club verso la salvezza.

Ottenere per due volte di fila la permanenza in Serie A può sembrare addirittura scontato ma non lo è. In questi due anni è stato compiuto un capolavoro, sono state scalate montagne enormi e ripide senza l’aiuto di nessuno, soltanto attraverso i sacrifici, la passione ed il lavoro di un gruppo unito e appassionato.

la squadra a fine partita

Almeno il sedicesimo posto è ipotecato

Ci auguriamo che il Lecce nelle prossime 3 gare conquisti più punti possibili e magari batta anche il suo record storico. Nel frattempo, però, vi facciamo presente che la formazione di Gotti, anche in caso di 3 sconfitte consecutive contro Udinese, Atalanta e Napoli, ha già ipotecato matematicamente almeno il sedicesimo posto. Infatti, oltre alla Salernitana ultima in classifica, nemmeno il Sassuolo potrà conquistare più di 35 punti e, tenendo conto degli scontri diretti, due tra Empoli, Frosinone ed Udinese non potranno ottenere più di 36 punti. 

In diretta su Twitch mercoledì alle 19: ospite Medon Berisha
Lecce salvo: le reazioni della politica locale