header logo

Al termine di Juventus-Lecce è intervenuto ai microfoni di DAZN Massimiliano Allegri, il tecnico della squadra bianconera. Di seguito le sue dichiarazioni. 

La vittoria

“Era importante vincere oggi dopo una sconfitta rocambolesca. Il Lecce è una squadra arcigna che concede poco. Siamo partiti bene, non abbiamo concesso niente al Lecce e siamo stati equilibrati. Abbiamo avuto la pazienza di sfruttare le occasioni che abbiamo creato”. 

Cosa migliorare

“Dobbiamo giocare meno la palla indietro. A un minuto dalla fine dovevamo gestire in maniera differente, ma sono cose che si sistemano. I ragazzi sono stati bravi e hanno fatto una buona partita. Non era facile dopo l’ultima sconfitta, dobbiamo mantenere l’equilibrio e giocare questo tipo di partite con l’aiuto dei tifosi. Lavoriamo per migliorare su tanti aspetti”. 

Juve antagonista dell’Inter?

“Inter, Milan e Napoli momentaneamente sono più attrezzate di noi per vincere il titolo. Noi quest’anno abbiamo tanti giocatori con poca esperienza. Abbiamo giocatori di corsa che possono crescere, dopo il gol abbiamo giocato meglio. Ci vuole pazienza, dobbiamo assorbire gli errori che ci possono stare. Gatti è stato attaccato per l’ultimo errore ma sono episodi rocamboleschi. Ci vuole pazienza. Quando non sei abituato a giocare certe partite la palla scotta un po’ ma è normale, è una questione di crescita”. 

Maggiore aggressività

“La squadra è stata molto aggressiva. Oggi dopo i primi venti minuti la squadra si è abbassata un po’, perché il Lecce rallentava e teneva palla. Bisogna essere bravi a sfruttare le occasioni che si creano”. 

Chiesa

“Ha giocato molto dentro al campo, quando va esterno diventa meno marcabile perché non dà punti di riferimento. Ha una tecnica straordinaria, è migliorato molto tatticamente nello stare in campo”. 

Milik

“Milik è un giocatore straordinario, tutti gli attaccanti stanno lavorando bene e oggi lui ha fatto una bella partita”. 

Olympiakos-Lecce, dove vedere la partita: orari e probabili formazioni
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"