Il massimo campionato italiano si prepara a ripartire e anche le linee guida redatte dalla Lega di Serie A sembrano andare verso questa direzione.

STADIO – Innanzitutto lo stadio sarà diviso in tre zone: area tecnica, spalti ed area esterna allo stadio. Ci potranno essere al massimo 300 persone in totale e 100 per ogni zona, con 4 raccattapalle, 10 giornalisti e 10 steward e membri della sicurezza.

ARRIVO ALLO STADIO – La squadra arriverà nell’impianto con diversi mezzi di trasporto e in orari diversi rispetto alla quaterna arbitrale. I giocatori della formazione che gioca in casa arriveranno con le proprie auto.

GARA – Ogni squadra entrerà in campo in un momento diverso rispetto all’altra. Inoltre saranno vietate le strette di mano, la foto di squadra ed i giocatori non saranno accompagnati da nessun bambino al loro ingresso in campo

SPOGLIATOIO – Sarà sempre igienizzato, saranno vietate le riprese televisive e, soprattutto, saranno utilizzate più stanze per separare titolari e riserve.

INTERVISTE –  Calciatore e giornalista dovranno rispettare la distanza e condurre l’intervista ad 1.5 metri l’uno dall’altro, realizzandola con microfono boom. La mixed-zone, invece, rimarrà chiusa. La conferenza stampa seguirà il modella della F1, con domande via Skype o Whatsapp e la presenza garantita di soli 3 titolari di diritto.

MISURE DI SICUREZZA – Ovviamente sono stabilite rigide regole per ogni tesserato della squadra. Tutti, infatti, avranno una propria bottiglietta d’acqua ed alimenti preparati e già confezionati a disposizione singolarmente.

ARBITRI – Nessuno potrà accedere allo spogliatoio degli arbitri. I calciatori in campo non potranno protestare e non potranno avvicinarsi per nessun motivo a meno di 1.5 metri di distanza.

Queste regole hanno come unico scopo quello di far ricominciare il campionato, cercando di tutelare la salute di tutti gli addetti ai lavori. Sicuramente quello che vedremo non sarà lo stesso calcio al quale eravamo abituati, ma non è detto che sia necessariamente una cosa negativa. Si vedranno meno polemiche in campo e maggior attenzione ad ogni aspetto della gara, nella speranza che si possa ritornare presto a vedere i tifosi sugli spalti.