Spal-Lecce: Coppa detox. Senza la VAR… il VAR, o comunque si chiami.

Mercoledì alle ore 18.00 a Ferrara il Lecce sarà nuovamente in campo per onorare, contro la Spal, il quarto turno ad eliminazione diretta di Coppa Italia.

Una partita in cui Liverani avrà l’opportunità di alternare molti uomini, provare chi è stato utilizzato meno e dare minutaggio a quei giocatori che sono stati fermi a causa di infortuni ed hanno bisogno di entrare in forma.

Sarà una vera e propria rivoluzione soprattutto nelle abitudini regolamentari. Il quarto turno eliminatorio infatti non prevede l’utilizzo della tecnologia, il Goal Line Technology (GLT) e Video Assistant Referees (VARs) entreranno a far parte della competizione solo dagli ottavi di finale.

Non solo, vi è la novità relativa alla quarta sostituzione, perché essendo un turno ad eliminazione diretta, in caso di pareggio verranno disputati i tempi supplementari; il regolamento prevede che proprio in questo caso le formazioni potranno effettuare fino a quattro sostituzioni, anche se nei tempi regolamentari non sono arrivati a sfruttare le tre concesse.

Insomma, alla luce di queste novità mercoledì il tecnico giallorosso avrà la possibilità di far ruotare dai 14 ai 15 uomini, sicuramente prediligerà quelli che nelle sue idee potranno essere utili alla “causa Lecce” in futuro.

Vediamo come potrebbero scendere in campo i salentini, sappiamo bene che Liverani non ama perdere mai, quindi prevediamo una formazione sicuramente rivoluzionata ma che avrà dei punti fermi nell’undici titolare.

Probabilmente Vigorito tornerà a difendere i pali della formazione giallorossa, mentre in difesa azzardiamo delle sostituzioni: da sinistra verso destra Dell’Orco, Rossettini (che verrà squalificato contro il Genoa) Riccardi al posto di Lucioni e Benzar che potrebbe giocarsi ancora una possibilità. A centrocampo sicuramente Imbula avrà l’occasione di fare minutaggio, unitamente alla mezz’ala si alterneranno tutti i centrocampisti a disposizione del tecnico, vale a dire Tachtsidis, Petriccione e Tabanelli.

Ricordiamo che Majer e Mancosu sono ancora infortunati. In avanti Farias e Babacar giocheranno uno spezzone di partita, oppure faranno staffetta, mentre Lapadula sarà al centro dell’attacco e potremo vedere all’opera uno tra Dubiskas, Vera o Lo Faso a completare il reparto avanzato a partita in corso. Chiaramente nello svilupparsi della partita Liverani avrà l’opportunità, con tre sostituzioni disponibili più una, di modificare gli uomini in campo ed anche l’assetto tattico.

Ricordiamo che tra i disponibili vi sono i giovani Gallo (esterno basso di piede sinistro), Pierno (esterno basso di piede destro) ma anche Fiamozzi che non è inserito nella lista della serie A ma potrebbe scendere in campo in Coppa Italia.

Un mercoledì diverso, in una competizione snobbata in Italia che però permette di qualificarsi per l’Europa ma, soprattutto, una gara senza la tecnologia che se nelle intenzioni ed utilizzata correttamente aiuta a limitare gli errori del direttore di gara, nella sostanza non si capisce ancora come venga applicata, tra regolamenti, protocolli e interpretazioni del tutto “arbitrarie”. Scusate il gioco di parole.