Spal-Lecce, le pagelle dei giallorossi

Gabriel voto 7

Prende il solito gol non per sua responsabilità; sfodera due parate da campione e gestisce bene tutti gli episodi dando sicurezza alla squadra.

Rispoli voto 6,5

Sempre attento in fase difensiva, accompagna l’azione in quella offensiva. Ha la palla buona per segnare un gran gol ma spara alto, poteva servire Babacar tutto solo;

Lucioni voto 7

Davvero difficilmente superabile, guida la fase difensiva da maestro.

Rossettini voto 7

Come il compagno di reparto, sempre attento, combatte di testa con gli attaccanti avversari.

Calderoni voto 7

Staffilata da fuori area, deviata, porta il Lecce sull’1-2. Generoso in entrambe le fasi, ara la fascia di competenza.

Majer voto 7

E’ quello che non si ferma mai, ha una velocità di base ed intelligenza tattica superiori alla media. Esce stremato.

> (Imbula) s.v.

Movenze da pantera, tutto mancino, contribuisce a fare densità a centrocampo.

Petriccione voto 6,5

Non riesce a tenere bene le distanze e il gol della Spal arriva nella sua zona; poi cresce col passare dei minuti e si esalta nel forcing finale degli avversari. E’ ovunque.

Tabanelli voto 7

Generosissimo, corre per due e finisce stremato. Prezioso sia in fase di copertura che di appoggio.

Mancosu voto 7,5

Mette dentro due rigori pesantissimi con freddezza estrema, il secondo se lo procura lui. Tanto lavoro oscuro in fase di non possesso.

Falco voto 6

Poco servito e pressato dagli avversari, sul finire del primo tempo ha l’occasione giusta ma gli capita sul piede sbagliato. Da una sua azione nasce il rocambolesco assist per il gol di Calderoni.

>>> (La Mantia) s.v.

Appena 15 minuti per lui.

Babacar voto 7

Sembra un panzer quando palla al piede si procura il calcio di rigore nel primo tempo. Rifiata spesso nell’arco di tempo in cui viene lasciato in campo ma ogni sua giocata è preziosa.

>> (Shakov) voto 6

Schierato in avanti al posto di Babacar, arretra con l’ingresso in campo di La Mantia.


Liverani voto 7,5

Stavolta prepara bene la partita e schiera una formazione logica e vogliosa. Ancora non si vede il Lecce che lui ha in mente ma i punti in cascina sono grasso che cola.

Iweblab