Palermo, Bellusci in lacrime: “Siamo soli e fragili. Aiutateci”

Lo sfogo del calciatore del Palermo Bellusci al termine della partita pareggiata con il Foggia farà molto scalpore. Il difensore rosanero si presenta in sala stampa con le lacrime agli occhi e inizia a parlare del delicato momento della squadra.

Questo il suo pensiero: “Siamo soli, siamo fragili, non sappiamo di chi siamo, non abbiamo garanzie da nessuno. In queste condizioni non possiamo essere fischiati. Ci dovete dare una mano. Aspettiamo il 15 per gli stipendi, ma il punto non è prendere o meno lo stipendio, ma conoscere il progetto futuro”.

Bellusci conclude: “Mi scuso per i modi, ma non per quello che ho fatto. Se siamo fischiati e sono io il problema vado a casa. Anche se non c’è nessuna garanzia in società noi tutti andiamo elogiati. Dobbiamo essere tutti uniti, voglio quarantamila allo stadio per la Serie A. Se ci abbandonate facciamo più fatica. Dovete aiutarci”.