GUARDA LA LIVE TWITCH 💜

Offerta da
INTERVISTA A MARCA

Gonzalez: "Lecce propenso a lanciare i giovani, devo ringraziarlo"

Scritto da Filippo Verri  | 

Joan Gonzalez, talento del Lecce, ha parlato in esclusiva ai microfoni di MARCA.

La tua vita è cambiata molto negli ultimi due mesi?
Direi di no, sono ancora lo stesso, i miei amici sono ancora gli stessi, la mia famiglia è la stessa e i colleghi che avevo qui l'anno scorso li vedo abbastanza. Solo le persone con cui lavoro sono cambiate e la verità è che è stato spettacolare. È vero che non è la stessa cosa giocare nella prima squadra, che dentro di me ha cambiato la visione delle partite. Ma per quanto riguarda tutto ciò che è esterno, non è cambiato nulla”.

Cosa fa un ragazzo di Cornellá a Lecce giocando a calcio?
Dopo Cornellá ero nella cantera del Barça, dove ho giocato per due anni e poi è terminato il contratto. Abbiamo valutato la situazione con il mio agente e per la questione covid il mercato era molto complesso. Tutte le squadre avevano bisogno di sbarazzarsi dei giocatori, è emersa qualche piccola opportunità ma all'ultimo minuto abbiamo deciso di optare per questa offerta del Lecce. Avevo voglia di sperimentare un po', andare all'estero, vivere da solo... Era una buona offerta e ho detto di andare a vedere cosa succede. La verità è che non mi pento di niente”.

È andato tutto bene.
Dalla prima settimana ho già iniziato a giocare, mi divertivo, mi sentivo bene, i compagni mi aiutavano perché ho trovato un gruppo incredibile, ho imparato nuove lingue perché c'erano diversi stranieri... Inoltre, durante la stagione penso di aver giocato abbastanza bene, avevo fiducia in me stesso e penso che sia stato notato. Inoltre, la squadra non era la più forte della categoria, ma penso che abbiamo dimostrato abbastanza anche con la salvezza alla fine. E ora, in questa stagione, cosa vi posso dire... Tutto è spettacolare. L'inizio della stagione è stato eccezionale, mi hanno dato fiducia e cerco di fare il meglio che posso. Spero che continui ad andare bene".

Com'è stato l'adattamento al calcio italiano?
All'inizio non ho nemmeno pensato a come sarebbe stato l'adattamento, ho solo pensato di giocare a calcio, andare all'estero e vivere questa esperienza. È vero che con le mie caratteristiche il calcio italiano mi si adatta abbastanza bene perché ho fisico e percorso. Il calcio italiano è molto più fisico di quello spagnolo o di qualsiasi altro. Aggiungendo queste due cose penso che sia il calcio a cui posso adattarmi meglio. Capisco che è uno dei fattori per cui è andata bene”.

Con la sua avventura dimostra che il calcio non finisce al Barcellona, al Madrid o in qualsiasi grande club in Europa.
Sì, infatti ci stavo pensando l'altro giorno. La maggior parte dei giocatori che sono in cantere top, pochissimi arrivano ai professionisti. Quelli che hanno veramente un talento innato, che lo lavorano anche, si. Se non ce l'hai, penso che sia più facile andare in squadre dove si scommette forte sui giovani e ci sono più possibilità gradualmente di crescere. Mi è andata bene, davvero”.

La scorsa stagione si allenava già con la prima squadra?
All'inizio si, ma abbiamo avuto un brutto inizio con la primavera e la situazione è cambiata. Alcuni giocatori facevano dal lunedì al mercoledì con la prima squadra e alla fine della settimana lavoravamo con la primavera per preparare la partita. Ma abbiamo avuto una brutta striscia di risultati e hanno deciso che andava fatto tutto con la Primavera. Tuttavia, quando c'era una pausa internazionale andavamo con la prima squadra. Gli allenamenti li facevamo, ma non ho avuto la possibilità di debuttare. Sono stato comunque molto felice perché è sempre importante sentirsi parte del club”.

Immagino che fare molti allenamenti con la prima squadra sia un grande salto di qualità.
La verità è che impari molto. Ti alleni con giocatori che competono in massima divisione e non ti resta che imparare. Inoltre, ho avuto la fortuna di essere in una squadra che è molto predisposta ad aiutare i giovani. Devo ringraziarlo”.

Centrocampista ma con caratteristiche offensive. Quest'anno ha già segnato un gol e la scorsa stagione ne ha fatti otto.
Al Barça ho giocato come centravanti nel giovanile A e quando sono arrivato qui mi hanno detto che sapevano che avevo giocato come centrale ma che mi volevano come centrocampista, stile box to box. E così è stato. Qui ho fatto molti ruoli, ho anche giocato punta. Ho toccato quasi tutte le posizioni centrali”.

Com'è stato segnare il tuo primo gol in Serie A?
Era spettacolare. Non l'avrei mai immaginato e quando è successo... Non so come spiegarlo. È una sensazione piena di adrenalina, qualcosa di indescrivibile”.

Si arriva a pensare a qualcosa in quei momenti?
Una parte dell'esultanza è per mio fratello perché mi diceva sempre che gli piaceva molto come festeggiava i gol Drogba. Ho segnato e l'ho dovuto fare”.

Nel calcio dei professionisti la grande differenza è di solito la velocità del gioco. In Italia è quello che si nota di più?
Come ti ho detto, penso che il fisico influenzi molto il gioco. Le azioni sono molto più dirette, si cerca di attaccare molto più velocemente, non elaborare il gioco così tanto. Tutti i giocatori che hanno la capacità di essere forti fisicamente e poi essere in grado di eseguire con la palla ciò che il mister chiede, sono quelli che hanno più minutaggio”.

L'obiettivo quest'anno capisco che è la salvezza. Come si gestisce questa pressione essendo così giovane in partite in cui normalmente non si prende l'iniziativa del gioco?
“Sfrutto i consigli che mi ha detto Di Francesco, un compagno di squadra che gioca da ala sinistra. Mi ha detto di stare tranquillo, che era il mio debutto e che non avevo nulla da perdere, se lo facevo male ero giovane e avrei avuto una seconda possibilità. Questo mi ha tolto un peso e mi ha aiutato molto. D'altra parte, per quanto riguarda lo stile di gioco, cerchiamo di avere il controllo della partita in molti momenti”.

Ha già giocato contro il Napoli, ma l'Italia ci sono stadi molto belli. Qualcuno che ti eccita in modo speciale?
Sono tutti molto belli, se devo dire qualcuno forse San Siro è il più conosciuto, ma tutti i campi sono incredibili. L'unico inconveniente che metterei è che essendo abituato al calcio spagnolo dove i campi sono vicini alla gente, è la distanza tra il campo e la gente”.

Qual è la posizione che ti diverte di più?
Penso l'interno perché mi piace molto toccare la palla e in quella posizione la tocchi molto”.

Chi guardavi quando eri alla scuola del Barça?
La verità è che non guardavo qualcuno in particolare. Guardavo i gol, gli stadi o qualsiasi altro, ma non avevo un riferimento specifico. Ho visto di tutto”.

Essere all'estero può penalizzare quando si tratta di convocazioni in nazionale?
La verità è che non so dirti qualcosa su questo perché non ci penso. Io combatto come al solito e basta. Se dovessi andare un giorno in selezione sarei felice".

Ha come compagno Umtiti.
Sono passato dal vederlo in TV a averlo come compagno. È una persona incredibile, sono uscito a cena un paio di volte con lui e penso che con la sua esperienza, che non ha nessuno nella squadra, possa aiutarci molto. Ha molta voglia di giocare e di aiutare e far sì che la squadra possa raggiungere l'obiettivo”.

Come sta andando con l'italiano?
“Molto bene, mi mancano alcuni verbi ma posso già avere una conversazione”.


💬 Commenti