header logo

Quinta e ultima amichevole del ritiro estivo di Folgaria per il Lecce di D’Aversa in campo contro il Cittadella, compagine del campionato cadetto, storicamente avversario ostico e temibile da affrontare per i salentini. 

I giallorossi sono scesi in campo con il consueto 4-3-3, schierando Falcone in porta; Gendrey, Baschirotto, Pongracic e Gallo in difesa; Gonzalez, capitan Hjulmand e Rafia a centrocampo; Strefezza, Rodriguez e Banda in attacco. 

Da registrare le assenze di Ceesay (non convocato) e di Maleh, bloccato a causa di un affaticamento muscolare.

Come ha giocato il Lecce nel primo tempo. La cronaca di Lecce-Cittadella

Fin dalle prime battute i giallorossi hanno dimostrato una buona qualità nella gestione della palla e nel pressing, coprendo bene gli spazi in campo e mettendo in difficoltà la squadra avversaria. Il primo squillo della partita arriva al 20esimo con Rodriguez ma il suo tiro da distanza ravvicinata viene prontamente respinto dall’estremo difensore del Cittadella Kastrati. I giallorossi fanno la partita ma i granata con ordine e compattezza difensiva riescono a mantenere la porta inviolata. Il primo tempo scorre senza particolari sussulti, con il Lecce poco pericoloso là davanti e il punteggio fermo sullo 0-0.

Come ha giocato il Lecce nel secondo tempo. La cronaca di Lecce-Cittadella

Nel secondo tempo prima girandola di cambi per i salentini: fuori Falcone, Rodriguez, Baschirotto e Gendrey e dentro in campo Bleve, Almqvist, Blin e Venuti. Al 60esimo altri cambi per il Lecce fuori capitan Hjulmand (alla sua ultima apparizione con la maglia giallorossa?) e Banda, al loro posto rispettivamente Björkengen e Di Francesco. I salentini continuano a fare possesso senza però essere incisivi e pericolosi. Al minuto 65’ in arrivo un altro cambio per la squadra di D’Aversa: in campo il baby Dorgu al posto di Venuti, entrato solo pochi minuti prima e uscito per infortunio. Al 68esimo conclusione di Di Francesco terminata abbondantemente al lato alla destra del portiere del Cittadella. Al 72’ il Lecce sblocca la partita: gran bella conclusione di destro dal limite dell’area di rigore di Strefezza e pallone alle spalle del portiere. Sarà proprio l’autore del gol a lasciare il campo, al suo posto il danese Corfitzen. I giallorossi trovano il gol del raddoppio al 76esimo proprio grazie al classe ‘04, bravo a farsi  trovare pronto al centro dell’area di rigore, finalizzando nel migliore dei modi il traversone basso messo a segno da Dorgu dalla corsia laterale mancina. All'81 esimo il Lecce serve il tris: altra galoppata di Dorgu dalla sinistra e assist per Almqvist che deve solo spingere in porta per il gol del 3-0 (proprio allo svedese qualche minuto prima era stato annullato un gol al termine di una bella giocata). In questi minuti finali spazio anche per Helgason che rileva Rafia e Berisha al posto di Gonzalez.

Il Lecce vince anche la sua ultima amichevole del ritiro, mostrando segnali di crescita e qualità nel gioco. La squadra farà rientro nel Salento per poi ritrovarsi mercoledì pomeriggio 2 Agosto presso l’Acaya Golf Club & Resort per una seduta di allenamento.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"