header logo

Primo punto: cosa pensa Gotti. Il tecnico non vede in Rares Burnete un giocatore imprescindibile per il suo Lecce. Questo non vuol dire che lo giudica scarso o inutile, ma che ha altre visioni per quel ruolo e per il modo di coprirlo. 

Attenzione, però, la storia, anche quella del Lecce è piena di allenatori che "da fuori" hanno un'idea di un giocatore e poi allenando un giocatore e conoscendolo da vicino cambiano la loro opinione. Insomma, il fattore Gotti pesa, ma non è vincolante.

Secondo punto: il rinnovo di contratto. Il suo scade nel giugno del 2025 e, finora, le parti sono state piuttosto lontane sul fronte delle cifre. Burnete, in questo momento, non guadagna molto e vorrebbe aumentare il suo ingaggio. E questo può essere un punto molto più cruciale, perché senza rinnovo Burnete inizierebbe la sua ultima stagione e da febbraio potrebbe già cercarsi una squadra per la prossima stagione.

Il Lecce dei leccesi nella Serie A degli stranieri: un modello unico e vincente
Euro 2024: Spalletti chiama Gatti. E su Baschirotto...