header logo

La Serie A 2022-23 è terminata per tutti tranne che per Spezia e Verona, che dovranno affrontarsi nello spareggio salvezza. A bocce (quasi) ferme, Calcio e Finanza ha condotto un'interessante analisi in merito agli introiti che porta ai club il piazzamento in campionato.

La ripartizione dei proventi da diritti tv, come riportato, viene effettuata sulla base di criteri precisi imposti dalla Legge Melandri (revisionata poi dalla riforma Lotti) e che prevede una distribuzione delle risorse provenienti dalla commercializzazione delle partite come segue:

  • 50% in parti uguali;
  • 30% in base ai risultati sportivi (di cui il 12% basato sul piazzamento e il 3% sui punti della stagione in corso, il 10% sulla base dei risultati conseguiti negli ultimi cinque campionati e il 5% sulla base della graduatoria formata tenendo conto dei risultati sportivi conseguiti a livello nazionale e internazionale dalla Stagione Sportiva 1946/47 alla sesta antecedente a quella di riferimento);
  • 20% in base al bacino d’utenza (di cui 8% in base alla audience televisiva certificata Auditel e 12% in base agli spettatori paganti).

Nel complesso, il 12% delle risorse economiche è distribuito tra i club in base alla posizione in classifica. Secondo quanto appreso da Calcio e Finanza, per la stagione 2022/23 questa cifra ammonterebbe a poco più di 122 milioni di euro. Dunque, sulla base dei dati a disposizione, questa sarebbe la classifica degli introiti in virtù dei piazzamenti finali:

  1. Napoli – 19 milioni di euro
  2. Lazio – 16 milioni di euro
  3. Inter – 13,7 milioni di euro
  4. Milan – 11,4 milioni di euro
  5. Atalanta – 9,9 milioni di euro
  6. Roma – 8,4 milioni di euro
  7. Juventus – 6,9 milioni di euro
  8. Fiorentina – 6,1 milioni di euro
  9. Bologna – 5,3 milioni di euro
  10. Torino – 4,6 milioni di euro
  11. Monza – 3,8 milioni di euro
  12. Udinese – 3,4 milioni di euro
  13. Sassuolo – 3 milioni di euro
  14. Empoli – 2,7 milioni di euro
  15. Salernitana – 2,3 milioni di euro
  16. Lecce – 1,9 milioni di euro
  17. Spezia – 1,5 milioni di euro
  18. Verona – 1,1 milione di euro
  19. Cremonese – 0,8 milioni di euro
  20. Sampdoria – 0,4 milioni di euro

A questa cifra, per ogni club va poi sommata la quota uguale per tutti i club, che nel 2022/23 ammonta a circa 25,5 milioni di euro.

"PL Talk" Monza-Lecce: ospite in puntata Lino De Lorenzis del Nuovo Quotidiano di Puglia
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"