header logo

Remi Oudin, trequartista e mezz’ala del Lecce di Roberto D’Aversa, ieri è stato ospite di Piazza Giallorossa ed ha commentato la gara giocata ad Empoli lo scorso lunedì ed anche la sfida di sabato prossimo contro il Frosinone. Queste le sue parole:

Il pareggio di Empoli

I giallorossi hanno pareggiato 1 a 1 contro i toscani e Remi ha giocato una partita opaca: 

Ci è mancato qualcosa, non siamo riusciti a finalizzare, le nostre azioni sono finite male, ci è mancato quel qualcosa in più. Ci sono molte cose da mettere a punto col nostro allenatore anche soprattutto in vista del prossimo incontro”.

La doppietta alla Lazio

Oudin, oltre al presente, si è lasciato andare anche ai ricordi del passato, compresa la doppietta contro la Lazio, fondamentale per la corsa alla salvezza con Baroni allenatore:

“Fu bellissimo realizzare quella doppietta alla Lazio e poi sono felice di esser potuto restare a Lecce per dare continuità che per me è una cosa molto importante”.

La prossima sfida 

Infine, il francese ha detto la sua proprio sulla prossima gara contro il Frosinone, una gara da non sottovalutare per nessun motivo:

“Il Frosinone è una squadra un po’ come la nostra, ci aspettiamo una gara come quella con l’Empoli, e dobbiamo giocarla per vincere”.

L'esultanza di Oudin e Gendrey

Come sta Remi?

Ad Empoli ha giocato da titolare, salvo poi essere sostituito da Rafia. Oggi, invece, ha svolto un allenamento personalizzato ma l’augurio è che riesca a recuperare per sabato, soprattutto per fornire un’alternativa in un reparto che è già privo dello squalificato Gonzalez. La sua qualità ed i suoi piedi educati sono fondamentali per questo Lecce, che spesso si affida alle sue giocate estemporanee nei momenti di difficoltà. Oudin ha già segnato 2 gol in questa stagione, contro Genoa e Verona, ma ha nelle corde ancora più realizzazioni ed un maggiore numero di assist. Deve solo essere messo nelle condizioni di esprimersi al meglio delle sue capacità. 

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita