header logo

Finalmente, dopo più di due settimane, i giallorossi scenderanno nuovamente in campo per un altro turno di campionato. L’ultimo pareggio, davanti ai propri tifosi, ha convinto le aspettative di tutti i presenti allo stadio perché, dopo due insuccessi consecutivi senza nemmeno segnare un gol, serviva una reazione e la risposta è arrivata. Magari con un pizzico di fortuna in più, sarebbe potuta arrivare una vittoria ma poco importa oramai, l’importante è essere stati bravi a non cadere per l’ennesima volta, dimostrando carattere, personalità, grande spirito di squadra.

Questo Lecce convince, entusiasma perché giorno dopo giorno continua a trasmettere solidi valori di unione, di sacrificio collettivo verso l’obiettivo finale. Tutti remano verso un’unica direzione, come fossero una cosa sola, consapevoli dell’importanza dell’intero contesto, della causa per la quale si lotta, giorno dopo giorno.

In panchina, a guidare i ragazzi, c’è un condottiero che si sta rivelando caparbio, deciso nelle proprie scelte, dinamico in corso d’opera quando bisogna svoltare l’inerzia del momento per raggiungere la vittoria. Ha fame, voglia di fare bene, di rilanciarsi e per questo motivo è apprezzato da tutti, che vedono in lui il giusto esempio a cui fare affidamento.

Kaba in Lecce-Lazio

Poi ci sono i ragazzi, straordinari dal primo all’ultimo. Ognuno ci mette il suo per dare il giusto apporto per un obiettivo che l’intera piazza festeggia come fosse la vittoria di uno Scudetto. Tanti giovani che han voglia di mettersi in luce, accompagnati dalla giusta presenza di ragazzi di maggiore esperienza da cui imparare tanto, per farsi trovare pronti a qualsiasi evenienza.

E poi la società, salentina, tifosa prima di tutto. Perché Lecce è una questione d’ amore da non lasciare mai sola, da far crescere ogni giorno sempre di più, per la propria gente, per essere il vanto di tutti.

Questo Lecce può diventare una macchina perfetta perché ha tutto ciò che serve per essere competitivo su ogni fronte: organizzazione nei minimi dettagli, solide finanze per portare avanti il progetto ma una cosa più di tutte, la passione. La passione di chi le sta attorno, il motore per rendere viva questa magnifica realtà, perché fino a quando esisterà, allora qualsiasi problema potrà essere affrontato e superato.

Questa sera si torna in campo, finalmente, contro un avversario che tutto può essere fuorché facile, scontato da battere specialmente in questo momento del suo cammino ma bisogna pensare al nostro, di percorso, ricordandosi sempre la ragione per la quale si scende in campo ogni settimana. La consapevolezza di andare oltre il risultato, di lottare per conquistare un altro piccolo, ma fondamentale, metro per avvicinarsi alla meta finale, da fare come sempre tutti assieme. Occhi ben aperti allora perché la strada è ancora lunga.

Mercato Udinese: quanto hanno speso i friulani rispetto al Lecce?
Frosinone-Lecce 3-1: Abisso choc. Tesoro: "Non arbitri più il Lecce"