header logo

Ci sono novità inerenti ai Giochi del Mediterraneo, come riportato dal Nuovo Quotidiano di Puglia: il commissario Massimo Ferrarese ha convocato per la giornata di venerdì il comitato direttivo. Saranno tre i passaggi da compiere: la nomina del nuovo direttore generale, la lettera da inviare al comitato internazionale con cui si accetta la nuova data d’inizio e conclusione della ventesima edizione dei Giochi (dal 13-22 giugno al 22 agosto-4 settembre del 2026, come stabilito a Tirana) e la programmazione finanziaria di dettaglio per gli impianti sportivi da realizzare. 

Piccolo taglio per lo stadio di Lecce

Notizie fresche (ma in negativo) per l'impianto del Lecce, per cui era inizialmente previsto un finanziamento da 12 milioni. A questo importo sono da togliere 700mila euro, dunque per il Via del Mare saranno (al netto di novità) stanziati 11 milioni e 300mila euro.

Via del Mare

Lo spostamento per i Mondiali 

Come anticipato, per i Giochi del Mediterraneo è stato deciso uno spostamento per non far coincidere la manifestazione con i Mondiali di Calcio 2026: l’accettazione da parte del comitato presieduto dallo stesso Ferrarese rappresenta un passaggio formale a valle dell’assemblea di Tirana.  

La programmazione finanziaria, invece, chiederà per tutti i lavori l’acconto del 30%, poi l’erogazione del 60% all’inizio del cantiere e il 10% finale al collaudo. Sinora il commissario ha indicato l’importo globale di ciascun progetto e diversi sono stati rimodulati per stare nell’ambito delle disponibilità finanziarie, in quel momento circoscritte a 150 milioni. Ora, invece, l’importo complessivo resta confermato, ma è diviso in base ai tre step. Da tener presente che, nel frattempo, ai 150 milioni di base se ne sono aggiunti, anche se non ancora assegnati, altri 125 con la legge di Bilancio 2024 che verranno erogati in tre anni: 2024, 2025 e 2026. 

Verso Bologna- Lecce: Corvino incrocia il suo passato
Scommesse, “betting partner” in Serie A: un fenomeno in crescita